Body Count – Recensione: Bloodlust

L’attitudine mentale con cui ci si avvicina ad un disco dei Body Count, inutile negarlo, non può che essere una di quelle aperte ad ogni tipo di scoperta (almeno nel caso in cui non abbiate mai sentito parlare di questa band) perchè, per chi non lo sapesse, il gruppo capitanato dal rapper e star televisiva americana Ice-T propone nè più nè meno che un rap accompagnato da riffoni potenti e una scarica di energia decisamente heavy metal.

L’effetto finale risulta senza dubbio particolare ad un primo ascolto, ma funzionale allo scopo di creare un disco adrenalinico e senza un momento di pausa dall’inizio alla fine.
Sono questi gli ingredienti di “Bloodlust”, che vanta dalla sua parte alcune collaborazioni di peso, a partire da quella con Dave Mustaine dei Megadeth nella opener “Civil War” in cui, neanche a dirlo, il riff di chitarra si rivela tra i più riusciti e accattivanti dell’intero album.
“Bloodlust” non deluderà gli amanti dei camei, con Max Cavalera che fa capolino nella scatenata “All Love Is Lost” e Randy Blythe dei Lamb Of God che collabora con i Body Count in “Walk With Me…”. E, rimanendo sull’onda del thrash così ben rappresentato da MegaDave, i Body Count si lasciano andare anche ad un ben confezionato medley degli Slayer, che taglia e cuce i due successi Raining Blood e Postmortem.
L’immaginario dell’album rimane comunque legato al mondo dei gangsta e della strada, con brani di chiara impronta rap come, ad esempio, la conclusiva “Black Hoodie”, mentre in altre tracce quali “No Lives Matter” fa capolino un’intro parlata di critica sociale che commenta il contenuto del brano.

I Body Count e la loro nuova creatura “Bloodlust” dimostrano come le sonorità più heavy possano sposarsi efficacemente a generi che tanti fan del metal potrebbero considerare assai distanti dalla loro musica preferita; il risultato non è certo tra i più tecnici e, al giorno d’oggi, potrebbe avere un retrogusto old school, ma può trovare comodamente posto sugli scaffali degli appassionati di alternative e di quelle contaminazioni adrenaliniche tanto care agli anni ’90.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Century Media Records

Anno: 2017

Tracklist: Tracklist - 01. Civil War (feat. Dave Mustaine) 02. The Ski Mask Way (ascolta l’audio) 03. This Is Why We Ride 04. All Love Is Lost (feat. Max Cavalera) 05. Raining Blood / Postmortem (SLAYER medley) 06. God, Please Believe Me 07. Walk With Me… (feat. Randy Blythe) 08. Here I Go Again 09. No Lives Matter (video ufficiale) 10. Bloodlust 11. Black Hoodie
Sito Web: http://bodycountband.com/

Ilaria Marra

view all posts

Braccia rubate alla coltivazione di olivi nel Salento, si è trasferita nella terra delle nebbie pavesi per dedicarsi al project management. Quando non istruisce gli ignari colleghi sulle gioie del metal e dei concerti, ama viaggiare, girare per i pub, leggere roba sui vichinghi e fare lunghe chiacchierate con la sua gatta Shin.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login