Blues Pills – Recensione: Lady In Gold – Live In Paris

Terza release dal vivo per i Blues Pills, “Lady In Gold – Live In Paris” è la registrazione della performance tenuta il 30 ottobre 2016 a Le Trianon di Parigi, appunto. L’album presenta una scaletta piuttosto lunga considerati i soli due full length in studio all’attivo, e come sempre presenta una band che colpisce per passione ed intensità, facendo di un concerto un’esperienza totalizzante.

Senza nulla togliere alle più note “Lady In Gold” e “Devil Man”, fa piacere sottolineare altri brani tra i momenti migliori di questo live: la straripante energia di “Bad Talkers” e le scorribande di Dorian Sorriaux in “Black Smoke”, in particolare, ci portano più di altri in un’atmosfera che deve molto agli anni ’70, fatta di groove più che di precisione, carica  com’è di cuore e sudore. Ancora, vanno menzionate l’intensa e lisergica “Little Sun” e la sinuosa “I Felt A Change” tutta giocata sulla splendida voce di Elin Larsson. Per motivi opposti funzionano bene pure la scatenata furia di “Elements And Things” e il basso pulsante di Zack Anderson in “Ain’t No Change”.

Sicuramente ci troviamo ad ascoltare un’altra performance infuocata dei Blues Pills, ma questa non è una novità così come è difficile non avere l’impressione che la Nuclear Blast a forza di battere il ferro finché è caldo rischi di rompere il martello.