As We Fight – Recensione: Black Nails And Bloody Wrists

Certo che il fatto che Tue Madsen riesca a produrre questa spropositata quantità di album ogni mese, e sempre in maniera professionale, fa venire qualche dubbio: o in realtà è un nome collettivo tipo Wu Ming che nasconde cinque persone, o i gruppi sono tutti geni che registrano le versioni definitive alla prima prova, oppure con un mouse e un po’ di pazienza si fanno davvero miracoli. Certo che se si pensa alle fottute rockstar tipo Korn o Metallica che in studio ci stanno più di un anno…

In ogni caso la Danimarca si dimostra terra prolifica in ambito estremo, e porta al debutto discografico anche questi As We Fight, autori di un hardcore-metal (tanto per cambiare…) molto aggressivo e diretto, spostato verso l’hc per quanto riguarda voce e chitarra, che però si innestano su ritmiche più tipicamente metal. Il risultato è sicuramente di impatto, ma risulta piuttosto ripetitivo sulla durata del disco, e si passa rapidamente dal piacere di subire i colpi aggressivi del gruppo a un senso di noia che prevale con lo scorrere dei brani… insomma l’aggressività non basta quando manca la personalità, ma contando che il gruppo è al debutto si può sperare una crescita futura.

Voto recensore
5
Etichetta: Goodlife/Edel

Anno: 2005

Tracklist:

01. I Bury My Head In My Hands

02. Catalyst Of Terror

03. Bringing It All Together

04. Ignite The Fire

05. Embrace This Hell

06. Unreachable

07. Black Nails And Bloody Wrists

08. Dead Man's Hand

09. Resistance

10. Lost To The Madness

11. Wasting Days


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login