Header Unit

Battle Beast – Recensione: Bringer Of Pain

I Battle Beast tornano sulle scene con il quarto album “Bringer Of Pain” e su questo lavoro aspettavano tutti la band al varco perché si trattava della prima opera dopo lo split con il chitarrista Anton Kabanen, principale compositore dei finlandesi.

Purtroppo il risultato del lavoro dei restanti membri non sembra raggiungere la qualità delle composizioni del passato, come preso il recente “Unholy Savior”, un concentrato di metallo che mischiava in modo divertente accenni di Accept, Manowar e WASP.

Al contrario il nuovo album rende la band fautrice di un sound che potremmo definire a tratti pop-metal e solo in alcuni casi metal moderno ed orecchiabile.

L’inizio del lavoro non è poi male con la cavalcata Straight To The Heart” e la possente title-track che pongono sugli scudi la voce tosta della singer Noora Louhimo ed il lavoro della linea ritmica di Pyry Vikki (batteria) e Eero Sipilä (basso). Discrete anche la ballad conclusiva “Far From Heaven” e l’heavy rock melodico “We Will Fight”.

Da qui in poi purtroppo impera un metal imbastardito con delle tastiere che sembrano voler scimmiottare un sound fin troppo orecchiabile e pop; in questo senso si rimane un po’ spiazzati da “King For A Day”, “Beyond The Burning Skies”, “Familiar Hell”, “Lost In Wars” (in cui Noora duetta alla voce con il vocione profondo del bassista Eero Sipila) ed ancor di più da “Dancing With The Beast” con cui i Battle Beast sembra vogliano dar vita ad un nuovo genere, il metal da discoteca (!!!). Anche in “Bastard Son Of Odin”, nonostante il titolo, dominano le tastiere discotecare di Janne Björkroth, alternate ai potenti assalti della batteria di Pyry Vikki.

Senza cadere in commenti da talebani possiamo senz’altro riconoscere come i finlandesi si siano dimostrati coraggiosi (forse fin troppo). Del resto dal punto di vista formale non ci può proprio criticar nulla di questa release: suoni e produzione sono spettacolari (registrazione ai JKB Studio eseguita dal tastierista Janne Björkroth, mix operato da Viktor Gullichsen e Mikko Karmila mentre infine il mastering è stato eseguito da Mika Jussila ai famosissimi Finnvox Studios); ogni singolo contributo viene esaltato a dovere.

Tutto sommato quindi Bringer Of Pain” risulta un accettabile punto di partenza per dar vita ad un sound orecchiabile e “ballabile” ed una seconda vita ai Battle Beast.

Voto recensore
6
Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2017

Tracklist: 01. Straight To The Heart 02. Bringer Of Pain 03. King For A Day 04. Beyond The Burning Skies 05. Familiar Hell 06. Lost In Wars 07. Bastard Son Of Odin 08. We Will Fight 09. Dancing With The Beast 10. Far From Heaven
Sito Web: http://www.battlebeast.fi/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login