Baphomet’s Blood – Recensione: In Satan We Trust

A sette anni dal loro ultimo full length “Metal Damnation”, tornano gli italianissimi speed/thrash metallers Baphomet’s Blood con uno degli album forse più controversi e liricamente pesanti della loro discografia: “In Satan We Trust”.

Come intuibile dal titolo del disco il tema centrale rimane l’anti-cristianità, che li ha contraddistinti sin dai loro esordi, portata però ad una perfidia estrema; dal punto di vista strumentale è una delle poche band nelle quali si possono notare evidenti passi in avanti, partendo dai primi lavori dal sound grezzo fino a “Metal Damnation” molto più studiato…”In Satan We Trust” è un ulteriore balzo per lo speed metal old school della band.

L’album parte con “Command Of The Inverted Cross”, un brano di oltre 8 minuti divisibile principalmente in 3 parti: nella prima sono presenti più voci a creare un atmosfera da vero e proprio rito satanico inneggiante al demonio che ci teletrasporta direttamente in quello che è l’universo parallelo dei Baphomet’s Blood; nella seconda parte inizia una musica corale sacrilega, altamente usata in ambiti black metal; nella terza ed ultima parte inizia la canzone vera e propria, speed metal all’ennesima potenza!

A chiudere il cerchio troviamo una poco sobria “Whiskey Rocker”, traccia che aggiunge un po’ di hard rock al calderone altrimenti leggermente ripetitivo, e “Eleg”, cover del primo singolo del 1986 dell’heavy metal band ungherese Fàrào.

Nel complesso l’intero album si dimostra ottimamente studiato e strutturato ma, sia chiaro, non fa urlare al miracolo; tracce singolarmente ottime ma che allo stesso tempo non rimangono impresse nella mente per la forse eccessiva ripetitività del format sopra citata.

D’altro canto, attitudine e coerenza sono i grandi pregi della band in un quarto disco, “In Satan We Trust”, che non può mancare nelle collezioni dei più affezionati al genere.

Baphomet's Blood In Satan We Trust Cover

Voto recensore
6,5
Etichetta: Iron Bonehead

Anno: 2016

Tracklist: 01. Command Of The Inverted Cross 02. In Satan We Trust 03. Hellbreaker 04. Underground Demons 05. Triple Six 06. Infernal Overdrive 07. Whiskey Rocker 08. Eleg (Fàrào cover)

Luca Balloriani

view all posts

Old School metaller, amante della birra, della birra e della b… della musica! Nato con il thrash ed evoluto (o regredito) al technical death e black; a rigor di logica, da anziano, mi ritroverò ad ascoltare il motopicco in cantiere. La mia vita si districa tra musica, informatica e fotografia/video editing a tempo perso.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login