Backwood Spirit – Recensione: Backwood Spirit

C’è tutto l’amore per l’hard blues settantiano nei Backwood Spirit, altro progetto su cui mette il proprio inconfondibile timbro Göran Edman: il progetto è nato nel 2014 dal chitarrista Kent Engström e dal batterista Joje Lindskoog, ma è sicuramente il cantante a portare quel tocco di classe e passione indispensabili per l’efficacia di una proposta non certamente originale come, a conti fatti, è quella dei Backwood Spirit.

L’ariosa opener “Gimme Good Lovin'” rievoca apertamente i fasti di Free e primi Bad Company, con Edman assolutamente convincente nella parte di Paul Rodgers. E scusate se è poco. “Piece Of The Peach” ha corpo e carattere, “Ain’t Got Love” quella dolcezza sinuosa e senza fretta propria di chi è consapevole dei propri mezzi: e in questo dimostra grande gusto anche il chitarrista Engström, mai invadente e sempre al servizio di un album compatto e diretto, che in otto pezzi trova la sintesi di ciò che vuole comunicare e suscitare. “When Love Comes Around” aggiunge una sfumatura più solare e ottimistica, riecheggiando in passaggi quasi bucolici la vena dei Creedence Clearwater Revival, mentre “Water Of Change/Rainbow” ricorda la liquidità di “Lucy In The Sky With Diamonds”: tutti riferimenti di primissimo piano, ai cui livelli i Backwood Spirit non arrivano ma che sono pur in grado di richiamare con senso di familiarità e senza pacchianerie. “Take Me Home”, nelle sue intense tinte blues, rappresenta con la sua serenità l’esempio forse più efficace dell’atmosfera di un lavoro che trasmette relax, naturalezza e spontaneità, magari non sempre ispiratissimo nelle composizioni ma fedele nello spirito ad un’epoca che è capace per larghi tratti di ricreare.

Voto recensore
7
Etichetta: Pride & Joy

Anno: 2017

Tracklist: 01. Gimme Good Lovin 02. Piece Of The Peach 03. Ain't Got Love 04. Take Me Home 05. When Love Comes Around 06. Soul To Soul 07. Get Your Wings 08. Water Of Change/Rainbow
Sito Web: https://www.facebook.com/backwoodspirit/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login