Hatchet – Recensione: Awaiting Evil

Direttamente dalla Bay Area di San Francisco, patria del thrash di Testament e molte altre leggende, arrivano i giovanissimi Hatchet. La moda del revival thrash sta dilagando un po’ dapperttutto e ne sono testimoni band quali Evile o Municipal Waste. Qui si parla di thrash di quello vero, proveniente dagli anni’80 e dall’età d’oro del metal, niente contaminazioni ma solo tanta voglia di Old School. Gli Hatchet si formano nel 2005 e attraverso numerosi cambi di line up, che impedivano alla band di produrre e suonare in modo stabile, sono arrivati a firmare per la prestigiosa Metal Blade, etichetta di grandi band come Slayer e Destruction. Dopo l’intro parte “Frailty of the Flesh” e sembra di essere catapultati in quel capolavoro a nome “Alice in Hell” targato Annihilator. Vengono riprese le ritmiche serrate a “mitraglietta” e gli assolo melodici di Jeff Waters, ma la band non si ferma qui con gli omaggi. Attraverso “Sealed Fate” si arriva a “Frozen Hell” che si rifà alla gloriosa NWOBHM con velati richiami ai Maiden incattiviti di Killers. I quaranta minuti abbondanti di disco vanno giù che è un piacere: si passa al semi-crossover (termine ovviamente preso con le pinze) di “Attack Imminent”, riproposizione nel 2008 di quell’immagine un po’ cazzona degna dei migliori Anthrax. Tra assalti a doppia cassa, cambi di ritmo serratissimi e assolo super veloci, piacevoli e melodici si arriva alla title-track, summa del genere e dell’intero disco: sicuramente il pezzo meno immediato di Awaiting Evil. Inutile dire che la proposta degli Hatchet è parecchio derivativa e questo abbassa in parte la qualità del prodotto: nessuna evoluzione ne innovazione. Ma il disco è ben suonato e ben prodotto, con un suono potente e caldo quanto basta. Non ci troviamo di fronte a un capolavoro, ma questi 5 teppistelli di San Francisco non deludono. Ovviamente sconsigliato a chi cerca qualcosa di originale; un disco per puristi del genere. Prendere o lasciare.

Voto recensore
6
Etichetta: Metal Blade / Audioglobe

Anno: 2008

Tracklist: 01. Darkening Skies
02. Frailty of the Flesh
03. Sealed Fate
04. Frozen Hell
05. Attack Imminent
06. Morlocks Tomb
07. Storm the Gates
08. The Dead Will March
09. Awaiting Hell

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login