Audrey Horne – Recensione: Audrey Horne

A differenza del precedente “Le Fol”, che era un lavoro difficilmente etichettabile, eterogeneo pur mantenendo un’elevata qualità di fondo gli Audrey Horne con questo CD omonimo (il loro terzo) sembrano voler omaggiare maggiormente le proprie influenze con chiari riferimenti alla tradizione hard rock degli anni ’70.

Questa sorta di ripartenza dei norvegesi ha al contempo un taglio moderno oltre che una produzione decisamente più “in your face” che in passato; i citati richiami alla tradizione settantiana sono solo concettuali dato che la realizzazione tecnica ha i piedi decisamente piantati nel presente. Anche Toschie che non ha mai avuto una gran voce (una sorta di Ozzy più intonato e potente) sembra decisamente in palla e lo si percepisce in tracce come “Circus” e “Darkdrive”; l’highlight del lavoro è rappresentato probabilmente “Down Like Suicide” semplice quanto bellissima mentre i riferimenti più distanti tra loro li possiamo trovare in “Blaze Of Ashes” (Whitesnake) e “Pitch Black Mourning” (qualcosa degli ultimi Porcupine Tree). Come il suo predecessore questo “Audrey Horne” cala leggermente nel finale e le tracce acustiche contenute nella limited edition non risollevano purtroppo una parte finale di album un po’ anonima; la band si piazza comunque con decisione sopra la media dell’hard and heavy odierno quindi ribadiamo il consiglio d’ascolto dato in passato per una realtà che meriterebbe sicuramente un altro proscenio.

Voto recensore
7
Etichetta: Indie / Audioglobe

Anno: 2010

Tracklist:

01. These Vultures

02. Charon

03. Circus

04. Down Like Suicide

05. Blaze Of Ashes

06. Sail Away

07. Bridges & Anchors

08. Pitch Black Mourning

09. Firehose

10. Darkdrive

11. Godspeed


Sito Web: http://www.myspace.com/audreyhornemusic

alberto.capettini

view all posts

Fan di rock pesante non esattamente di primo pelo, segue la scena sotto mentite spoglie (in realtà è un supereroe del sales department) dal lontano 1987; la quotidianità familiare e l’enogastronomia lo distraggono dalla sua dedizione quasi maniacale alla materia metal (dall’AOR al death). È uno dei “vecchi zii” della redazione ma l’entusiasmo rimane assolutamente immutato.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login