Aseptic White

Voto
recensore

6

Voto
utenti

-

Aseptic White

Digitalis Purpurea

Track Listing

01.Intro
02.Coded Feed
03.We’re All Stars On Our Snuff Suicide
04.Religious Mercy
05.Not
06.Crittodream
07.Dried Up And Spotted With Black Lipstick
08.Ideomatic
09.Maneater
10.Rotten Meal (Hidden Track)

Vota questo album:

Dopo aver maturato un’esperienza quasi decennale nel panorama electro-industrial italiano, i torinesi Digitalis Purpurea giungono al debutto sulla lunga distanza con “Aseptic White”. Il duo offre nove tracce oscure e glaciali, un connubio tra blast beats pesanti e dall’incidere pachidermico e un metal molto freddo ed essenziale, figlio dello stile del chitarrista C-Power, ingegnere delle sei corde schietto ed essenziale.

Dopo l’introduzione tratta dal film “Pi Greco: Il Teorema Del Delirio”, il two-piece mette subito in luce le sue intenzioni con “Coded Feed”, un pezzo potente e dal feeling mansoniano. Il Marilyn Manson più ricercato e reznoriano emerge non solo nelle vocals di Pi Greco ma anche nel mood stesso dei brani, spesso disturbante ma con un occhio per i passaggi d’effetto. E’ il caso di “Religious Mercy” e “Ideomatic” (con la partecipazione di Celine Cecilia Angel degli australiani Sanguis Et Cinis), due episodi orecchiabili eppure maligni al punto giusto, con la voce filtrata di Pi Greco che ci riporta sempre in quel desolato panorama sintetico dipinto dai Digitalis Purpurea.

Nel resto dell’album, mantenendo intatta una freddezza di fondo, i nostri non disdegnano una maggiore “sobrietà” e abbracciano un sound più compatto e nevrotico. Evitabili alcune ripetizioni e i riferimenti talvolta nemmeno velati (“We’re All Stars On Our Snuff Suicide”), al già citato Manson, ma nel complesso i torinesi mettono in luce buone idee, una certa destrezza nelle composizioni e personalità. Ne è un esempio la cover di Nelly Furtado “Maneater” (con il contributo dell’ormai celeberrima Tying Tiffany), privata di tutto il contenuto originario e trasformata in una inquietante quanto adrenalinica litania industriale.

Interessanti e con ulteriori possibilità di crescita.

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login