Asenblut – Recensione – Berserker

Chi non ha idea di cosa significhi la parola “Berserker”? Pochi, pochissimi immagino. Con questo terzo album i tedeschi Asenblut ci mettono del loro e si inspirano, come molti, ai furiosi guerrieri nordici.

Con un cantato nella loro lingua madre la proposta extreme epic metal dei nostri fa il verso ad act come Amon Amarth in primis. Se dall’openerBerserkerzorn” con le successive “Titanenerbe” e “Offenbarung 23” possiamo essere piacevolmente colpiti dal riffing abbastanza vario, che riesce ad unire anche influenze più melodiche, dopo una manciata di tracce il sentimento di già sentito prevale sempre più.

Le linee vocali death metal continueranno a scorrere per tutti i 60 minuti senza particolari momenti di interesse, un peccato perché, come già detto, la band risulta in alcuni frangenti accattivante. “Auf den Feldern von Flandern” sfiorando inizialmente il black metal riesce a mostrare l’epicità di cui gli Asenblut sono orgogliosi, mentre “Drachenborn” con il suo incedere marziale tornerà a farvi pensare a più riprese agli Amon Amarth .

Gli Asenblut dotati tecnicamente e con una produzione in linea con gli standard di nomi più blasonati latitano però in personalità, rendendo questo “Berserker” solo un disco di passaggio anche per chi non necessariamente ricerchi la novità a tutti i costi.

Il ripercorrere sentieri fin troppo battuti, unito ad un minutaggio eccessivo, non permette a “Berserker” di superare la sufficienza e poter spiccare in un genere che conta più musicisti che guerrieri nelle citate orde del nord.

Asenblut Cover Album Berseker 2016

 

Voto recensore
6
Etichetta: AFM Records

Anno: 2016

Tracklist: 01 Berserkerzorn 02 Titanenerbe 03 Offenbarung 23 04 Helden Des Ewigen Sturms 05 Auf den Feldern Von Flandern 06 Drachenborn 07 Des Alchemisten Elixier 08 Bittere Wacht 09 Berserkers Ruhmeserinnerungen 10 Schatten Über Arkham 11 Horizonte 12 Auf Grauen Schwingen 13 BONUS TRACK: Berserker Rage (english lyric version)
Sito Web: http://asenblut.com/

Roberto Banfi

view all posts

Punk n roller con ispirazioni gotiche e tracce persistenti di untrue heavy metal, tra Billy Holiday e gli Einsturzende Neubauten sono incappato casualmente negli Iron Maiden. Sogno una collaborazione tra Varg Vikernes e Paolo Brosio. Citazione preferita: ""Il mio dio è più forte"" (Conan il barbaro).

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login