Spearfish – Recensione: Area 605

Interessante ibrido fra diversi gruppi e realtà musicali (vengono in mente, tra gli altri, Saigon Kick, Jane’s Addiction e Motley Crue) gli Spearfish, purtroppo, non rendono (forse non ancora) giustizia ai nomi che rievocano. Una capacità compositiva non sempre all’altezza ed una produzione che – soprattutto nei frangenti più aggressivi – non si rivela né al passo coi tempi né positivamente vintage si scontra con l’originale mix di influenze che costituisce il sound della band. Soltanto in pochi casi, in effetti, gli Spearfish riescono ad equilibrare quelle che forse sono tropppe idee, per ottenere dei risultati qualitativamente degni di nota o almeno orecchiabili. La voce acuta ed insicura di Thomas Thulin è, in questo senso, emblematica del disorientamento, tanto affascinante quanto immaturo, che impedisce al gruppo di "controllare i propri istinti": impressionante come il cantante degli Spearfish si avvicini al grande Geddy Lee nella cangiante ‘Limelight’, così come suoni totalmente fuori fase in ‘Fate’, con cui la band decide sfortunatamente di aprire le danze.

Buona ‘The End’, che alterna rocciosi riff di chitarra ad un ritornello catchy al punto giusto. Impossibile non pensare ai Led Zeppelin quando parte ‘Lonely Souls’, ma l’illusione si scioglie ben presto, in un chorus banale e privo di energia. Il ritmo rallenta con ‘Burning Candles’ e ‘Reckoning’, fra i pezzi insieme più riusciti e meno originali dell’album. Stesso discorso vale per ‘All Said’N’Done’, mentre per il resto non si registrano ulteriori acuti.

Alla fine rimane l’impressione di un’occasione persa, perchè le potenzialità di questi svedesi sono chiaramente notevoli. A loro demerito, in quest’ottica, il fatto di essere già alla quarta release Forse il tempo porterà loro un po’ più d’equilibrio e lucidità: a volte il rock’n’roll ha bisogno anche di questo, che ci si creda o no.

Voto recensore
5
Etichetta: Lion Music/Frontiers

Anno: 2005

Tracklist: 01. Fate
02. The End
03. Limelight
04. Lonely Souls
05. Burning Candles
06. Reckoning
07. Addiction
08. Empty Eyes
09. All Said'n'Done
10. Broken
11. Losing Myself

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login