Heretic – Recensione: Angelcunts & Devilcocks

Troppo beceri per essere considerati una band di intransigente black metal, troppo piatti per essere rock’n’roll. Eppure gli Heretic suonano black’n’roll. Ok, qualcosa non quadra. Iniziamo cospargendoci il capo di cenere e ammettendo candidamente che proprio non conoscevamo questo sgangherato ensemble olandese, che pure vanta diciotto anni di attività alle spalle, quattro album in studio compreso il presente e una marea di release minori tra split e demo. Già il titolo “Angelcunts & Devilcocks” lascia poco spazio ai dubbi: i nostri adorabilmente narrow-minded amici Heretic parlano di sesso estremo in tutte le salse, spiattellando in faccia ai benpensanti una copertina dove tanti simpatici diavoletti copulano gioiosi con i vostri angeli custodi (spiacenti ma dobbiamo ricorrere alla versione censurata, Metallus non è una testata X-Rated…). La volontà sarebbe quella di miscelare un black solfureo e primitivo al selvaggio rock di Motorhead, Venom, Misfits e via dicendo (persino il look della band ricalca quello dei mostri sacri citati), purtroppo però la formula non funziona come dovrebbe. Perché? Semplice, i brani scorrono via monotoni e piatti, costruiti su due riff in croce che non riescono quasi mai ad essere orecchiabili, mentre una voce gutturale e priva di slancio, narra di tutte quelle nefandezze che in fondo ai metallari piacciono tanto. E gli Heretic ci strappano un paio di sorrisi con “My Demon Mistress” e “Sweet Little Sacrifice”, più dinamiche e ritmate, mentre il resto dell’album si perde nella noia. Non c’è veramente altro da dire, con buona pace degli intenti boccacceschi di questi allegri sporcaccioni e di chi punterà loro contro il dito in nome dell’integrità dei costumi.

Voto recensore
5
Etichetta: Soulseller / Audioglobe

Anno: 2013

Tracklist:

01.  Hail The Beast
02.  Black Perversion
03.  Crowned In Filth
04.  Angelcunts & Devilcocks
05.  My Demon Mistress
06.  Sweet Little Sacrifice
07.  Morbid Maniac
08.  King Sodomy
09.  Let Me Be Your Altar
10.  Maze Of Madness


Sito Web: https://www.facebook.com/HereticManiacs

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login