Angel Witch – Recensione: Angel Of Light

Dopo più di 25 anni di assenza dalle scene, il ritorno degli Angel Witch col precedente “As Above, So Below”, datato 2012, aveva rappresentato un graditissimo evento. I nostri paiono ora averci preso finalmente gusto, ed eccoli quindi di nuovo in pista con un’inedita uscita discografica dal titolo “Angel Of Light”.

Lo stile espresso dal gruppo è quello che abbiamo imparato ad amare da parte sua: brani tipicamente heavy vengono immersi in un contesto misterioso ed evocativo, generando quella miscela unica e personale che ben conosciamo da quando la band esiste. Tendenza che riscontriamo fin dalle prime battute nelle tre tracce iniziali “Don’t Turn Your Back”, “Death From Andromeda” e “We Are Damned”, in cui la macchina macina-riff di Kevin Heybourne si incastona efficacemente in strutture particolari e mai banali.

Si prosegue su buoni livelli anche coi brani successivi, tra i quali spiccano in particolare l’emozionante semi-ballad “The Night Is Calling”, la candlemassianaCondemned” e l’arrembante “Window Of Despair”. Funzionale al tutto è poi la produzione del disco, sapientemente in bilico tra gusto retrò e inevitabili esigenze di modernità.

Angel Of Light” è un album valido e ispirato, che ci restituisce gli Angel Witch in ottima forma. Kevin Heybourne pare aver trovato la sua giusta dimensione e noi non vogliamo certo fargli fretta accelerando i tempi per future release.

Etichetta: Metal Blade Records

Anno: 2019

Tracklist: 01. Don’t Turn Your Back 02. Death From Andromeda 03. We Are Damned 04. The Night Is Calling 05. Condemned 06. Window Of Despair 07. I Am Infamy 08. Angel Of Light
Sito Web: https://www.facebook.com/angelwitchofficial

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login