American Head Charge – Recensione: Tango Umbrella

Di sicuro non la band più prolifica del mondo, gli American Head Charge, capitanati dal cantante Cameron Heacock e dal bassista Chad Hanks: questo “Tango Umbrella” è il quinto album dal 1999 e in mezzo ci sono state la morte del chitarrista Bryan Ottoson, vari periodi di dipendenze dalle più svariate sostanze e avvicendamenti in seno al gruppo.

Biografie e gossip a parte, come suona questo nuovo album su Napalm Records? L’alternative industrial metal del gruppo ha dalla sua parte il fatto di essere roboante nei suoni, andando a mutuare dai numi tutelari del genere come Nine Inch Nails e Ministry (l’intro dell’opener “Let All The World Believe” e “Suffer Elegantly”), a volte mantenendo ritornelli cacthy (“Drowning Under Everything” e “I Will Have My Day”, col suo testo nichilista).

A volte la pesantezza tende ad affiorare rispetto al resto, come in “Perfectionist” o nel blues storpio e anfetaminico di “Antidote”, col suo ritornello che si ripete; pianoforte, voci cori in “A King Among Men” e un rilassamento da collasso post stravizio nel pezzo di chiusura “When The Time Is Never Right” fanno già rendere l’idea che la varietà sia un po’ troppo ampia inquesta nuova prova degli American Head Charge.

La grinta tossica c’è ma manca un po’ di sonwriting, o meglio al gruppo manca la direzione da prendere con questo “Tango Umbrella” che non riesce a raggiungere la sufficienza a causa di una schizofrenia un po’ troppo pronunciata e che rende il lavoro ancora troppo immerso nei decenni precedenti, sgargiante ed allettante ma alla lunga un po’ duro da digerire per l’abbondanza di stimoli sonori mixati e frullati insieme; probabilmente col prossimo album e un po’  di rodaggio ci saranno risultati migliori e più a fuoco per quanto riguarda la cosa più importante, cioè le canzoni, che ora possono avere dalla loro parte la carica e i suoni.

 

CD 4 pg Insert

 

 

Voto recensore
5,5
Etichetta: Napalm Records

Anno: 2016

Tracklist: 01. Let All The World Believe 02. Drowning Under Everything 03. Perfectionist 04. Sacred 05. I Will Have My Day 06. A King Among Men 07. Suffer Elegantly 08. Antidote 09. Prolific Catastrophe 10. Down And Depraved 11. When The Time Is Never Right
Sito Web: http://www.headcharge.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login