Header Unit

Alter Bridge – Recensione: Live At The O2 Arena + Rarities

Live At The O2 Arena + Rarities” costituisce il terzo album dal vivo in appena 8 anni per gli Alter Bridge, dopo i precedenti “Live From Amsterdam” e “Live At Wembley” datati rispettivamente 2009 e 2012. L’uscita che ci troviamo di fronte, però, non è affatto da considerarsi pleonastica per svariati motivi: innanzitutto questo è il primo live che presenta estratti dal bellissimo “Fortress”, penultimo disco della band acclamato in ogni dove; in seconda battuta, la release non è composta dai soli due CD del concerto, ma anche da un terzo dischetto comprendente rarità assortite quali bonus track e tracce inedite. Il piatto si prospetta dunque molto ricco per ogni fan del gruppo americano e non solo.

Chi ha assistito a un concerto degli Alter Bridge si porta sempre dentro il ricordo di un’esibizione formidabile e l’evento qui registrato non fa certo eccezione. La performance dei nostri è infatti appassionata e convincente, mentre la scaletta proposta va a pescare in maniera equilibrata da tutta la discografia della band: dalle nuove “The Writing On The Wall”, “Show Me A Leader” e “My Champion” ai classici “Blackbird”, “Metalingus” e “Rise Today”, passando quindi per i cavalli di battaglia del già citato “Fortress” come “Addicted To Pain”, “Cry Of Achilles” e “Farther Than The Sun”. I suoni sono nitidi e puliti, ma non eccessivamente artefatti come capita di sentire in alcuni live del giorno d’oggi; il senso di naturalezza che si è cercato di mantenere ben si sposa poi coi rumori provenienti da un pubblico molto partecipe, messo in evidenza nei momenti giusti. L’amalgama sonoro raggiunto nei due CD dal vivo rivela dunque un lavoro d’alto livello.

Dopo che la parte live del platter si è mostrata davvero soddisfacente, appare interessante anche il terzo disco dedicato alle rarità. Si parte con “Breathe”, canzone a tratti delicata e a tratti robusta fino ad ora uscita in esclusiva nei soli Stati Uniti, e si prosegue con gli inediti “Cruel Sun” e “Solace”, entrambe tracce atmosferiche provenienti dalle sessioni di registrazione del primo album “One Day Remains”. Arriva quindi una carrellata di bonus track per il mercato giapponese tra le quali spiccano la pulsante “The Damage Done” da “Blackbird”, la ruffiana “Zero” da “AB III” e la solare “Never Say Die (Outright)” da “Fortress”.

Grazie alla loro qualità e quantità, i tre CD di “Live At The O2 Arena + Rarities” costituiscono un ottimo compendio della carriera degli Alter Bridge. La presente release rappresenta insomma un’uscita ideale sia per gli estimatori dell’ensemble americano che non mancano ad alcun appuntamento col quartetto di Orlando, sia per chi ancora conosce poco questo gruppo e vuole avere una panoramica completa del suo trionfale cammino.

Voto recensore
7,5
Etichetta: Napalm Records

Anno: 2017

Tracklist: CD1 01. The Writing On The Wall 02. Come To Life 03. Addicted To Pain 04. Ghost Of Days Gone By 05. Cry Of Achilles 06. The Other Side 07. Farther Than The Sun 08. Ties That Blind 09. Water Rising 10. Crows On A Wire 11. Watch Over You (solo acoustic) CD2 12. Isolation 13. Blackbird 14. Metalingus 15. Open Your Eyes 16. Show Me A Leader 17. Rise Today 18. Poison In Your Veins 19. My Champion CD3 01. Breathe 02. Cruel Sun 03. Solace 04. New Way To Live 05. The Damage Done 06. We Don’t Care at All 07. Zero 08. Home 09. Never Borne To Follow 10. Never Say Die (Outright) 11. Symphony Of Agony (The Last of Our Kind)
Sito Web: https://www.alterbridge.com

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login