Killswitch Engage – Recensione: Alive Or Just Breathing?

La firma dei Killswitch Engage da parte della Roadrunner, tra l’altro in un momento di piena espansione dell’etichetta (l’accordo con la Universal), aveva stupito molti all’interno della scena hardcore. E’ vero che il gruppo fosse uno dei migliori esponenti del metalcore mondiale, ma l’area stilistica e attitudinale da cui provengono era fino a quel momento rimasta praticamente immune, escludendo il contratto RCA/Cave In, dalla colonizzazione concreta da parte di sfere più alte dell’universo pesante. ‘Alive Or Just Breathing?’ scioglie però ogni dubbio, assodandosi già a pochissimo tempo dalla propria uscita come una tappa fondamentale per la comprensione e assimilazione di un certo tipo di suono. Rimangono dunque immutate le coordinate stilistiche, che saldano la brutalità e la tecnica del miglior death metal europeo (potenzialmente ristretto a "scandinavo") con tematiche e atteggiamento hardcore. Brani come ‘Life To Lifeless’ o ‘To The Sons Of Man’ mettono in circolo una padronanza incredibile della material metal/hardcore: cambi di tempo, vocals eclettici, sovrapposizioni ritmiche, eccellente manualità, pieni e vuoti che s’alternano in un gioco dinamico che non stanca mai. Il gruppo ha scelto inoltre di ri-registrare i due migliori brani del proprio debutto su Ferret includendoli in questo nuovo disco, ed effettivamente si nota come sia ‘Temple From The Within’ che ‘Vide Infra’ siano fra i migliori momenti di ‘Alive Or Just Breathing?’: segno certamente di una posizione solida e tutt’altro che effimera. Cosa sono e cosa rappresentano, dunque, i Killswitch Engage? Forse non un’assoluta novità, ma certamente uno modi di suonare “pesante” più evoluti, fisici e d’impatto che conosciamo oggi.

Voto recensore
8
Etichetta: Roadrunner / Universal

Anno: 2002

Tracklist: Numbered Days
Self Revolution
Fixation On The Darkness
My Last Serenade
Life To Lifeless
Just Barely Breathing
To The Sons Of Man
Temple From The Within
The Element Of One
Vide Infra
Without A Name
Rise Inside

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login