Alcest – Recensione: Spiritual Instinct

Poco prima dell’uscita del nuovo album e freschi di un contratto con la Nuclear Blast, gli Alcest si sono sentiti in dovere di smentire,nelle prime interviste, la presunta influenza che la nuova etichetta avrebbe avuto sulle scelte di produzione.  Ad un primo ascolto, in realtà, non stupisce che Neige abbia concepito i brani di “Spiritual Instict” durante il tour a supporto del fortunato “Kodama”; già l’iniziale “Les Jardins De Minuit” offre un suono ruvido, una carnalità che si concede volentieri a blastbeat e scream da lungo tempo dimenticati. Tuttavia, più che ad un ritorno nostalgico alle sonorità di “Écailles de Lune”, “Spiritual Instict” sembra compiere un ulteriore passo verso la composizione di brani diretti, dove la qualità della scrittura è più importante della cura negli arrangiamenti.

Quello che ne deriva è il classico disco di transizione, che si avvale di tre singoli formidabili come “Protection” (il brano più ancorato al recente passato), il capolavoro “Sapphire”, dalle stupefacenti fragranze shoegaze, e le malinconie cosmiche di “Le Miroir”, ma fatica (per non dire fallisce miseramente) quando il minutaggio si fa eccessivo. Se ne accorge l’ascoltatore affrontando “L’Île Des Morts”, che già parte molto male, con un fondale post-metal che pare campionato ai Tool, e (come se non bastasse) dura almeno quattro minuti di troppo, mentre  la titletrack in chiusura si dimostra francamente troppo spirituale e ben poco istintiva. Dopo le emozioni traboccanti di “Kodama” (per il sottoscritto, uno dei loro dischi migliori) per Neige e gli Alcest è giunto il momento di imboccare altre strade, anche a costo di compiere qualche passo falso. La via per il nuovo corso è in ogni caso aperta.

Etichetta: Nuclear Blast

Anno: 2019

Tracklist: 01. Les Jardins De Minuit 02. Protection 03. Sapphire 04. L'Île Des Morts 05. Le Miroir 06. Spiritual Instinct
Sito Web: https://alcest.bandcamp.com/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login