Afterburner

Voto
recensore

7

Voto
utenti

-

Afterburner

Sinister

Track Listing

01. The Grey Massacre
02. Altruistic Suicide
03. Men Down
04. Afterburner
05. Presage of The Mindless
06. Into Submission
07. The Riot Crossfire
08. Flesh of The Servant

Vota questo album:

Ritorno non del tutto imprevisto dopo lo split per i Sinister, vera e propria leggenda death metal nel vecchio continente. Esordienti in piena fucina death (1992) con il buon “Cross The Styx”, ma è con “Hate” (1995) che raggiungono la piena maturità. Dopo svariati problemi di formazione, scioglimenti e quant’altro, ce li ritroviamo oggi più incombenti che mai, forti di un nuovo platter (“Afterburner”) ispirato, ma soprattutto malsanamente ‘death’. Line up ancora stravolta: sezione ritmica nuova di zecca, growls affidati ad Aad Kloosterwaard (precedentemente batterista) ed Alex Paul spostato alle chitarre, in luogo del basso. Cambiando l’ordine degli addendi, nel caso Sinister, sembra proprio che prodotto non cambi. Una compattezza sonora incredibile. Un martellamento continuo grazie ad un riffing compatto ed ispirato, ove Alex Paul sembra quasi trasmettere groove bassistico alla chitarra. Mid tempo assassini sorretti da grandi variazioni ritmiche (nota di merito al lavoro eccelso di Paul Beltman dietro il drumkit), accelerazioni, pochi assoli ma ficcanti. Aad si rivela una sorpresa dietro al microfono, con il suo timbro gutturale ma intelligibile. Il tutto supportato da una produzione di livello (Andy Classen) made in Nuclear Blast. Per tutti gli amanti del genere, 45 primi di puro massacro death quasi necessario, vista la carenza qualitativa delle nuove leve. “Afterburner” manifesta che i vecchi leoni, alla fine, sono quelli su cui puntare senza alcun pregiudizio. “Death Metal legend is back from grave!”.

Altro...

Lascia un commento

Login with Facebook:
Login