Dark Haunters – Recensione: Aethernal Wile

I Dark Haunters, da Teramo, presentano al pubblico l’EP “Aethernal Wile”, che succede cinque anni dopo al demo di esordio. Rispetto alle origini, la band si distanzia in parte dal black metal sinfonico per orientarsi verso sonorità più tecniche e vicine al death metal melodico, ferme restando atmosfere romantiche e sontuose parentesi sinfoniche.

Il corpus musicale dei nostri è una sorta di “ripescaggio” del sound dei primi In Flames e Dark Tranquillity unito a dei momenti à la Cradle Of Filth; nulla di particolarmente innovativo forse, ma il tutto è reso con grande perizia e un’ottima ricerca della forma canzone. I brani riescono sempre a catturare l’ascolto e anche nel momento in cui prevalgono le parti di chitarra più complesse vince l’assolo emozionante piuttosto che la mera dimostrazione esecutiva. Sugli scudi anche la prova del vocalist Emanuele Bizzarro, perfetto ad interpretare l’alone di decadenza che segna l’essenza del disco, affiancato talvolta dalla voce femminile, una tattica vecchia come il mondo ma sicuramente funzionale nel contesto.

Brani come “Lord Of The Wolves”, con un sognante intermezzo in lingua italiana, oppure la suite “My Noble Creature”, vi stupiranno per come riescano a fondere in armonia un sound elaborato e malinconico ad una assoluta piacevolezza d’ascolto. “Aethernal Wile” è un segnale della buona forma della band, li attendiamo fiduciosi ad una prova sulla lunga distanza.

Voto recensore
6
Etichetta: Autoprodotto / Black Havoc

Anno: 2007

Tracklist: 01.All Threads Of Our Life
02.Guilt And Expiation
03.Lord Of The Wolves
04.My Noble Creature
05.Inside The Temple Of Devotion

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login