Adept – Recensione: Sleepless

Quarto disco per la band svedese che, grazie a questo nuovissimo “Sleepless”, raggiunge la piena maturità. Un disco veramente valido per il quintetto di Trosa, che celebra il primo album a “marchio” Napalm Records nel migliore dei modi.

Si parte subito alla grande con “Black Veins”, canzone dal fortissimo appeal radiofonico, ricca di energia e con un ritornello catchy che resta ben stampato in testa. Ottima anche “Wounds”, che unisce una buona componente melodica alle vocals drammatiche e brutali di Robert Ljung. Bene anche “Rewind The Tape”, dal taglio più epico (passatemi il termine…) e corale.

Il punto più alto dell’album si raggiunge tra “Dark Clouds” (un bel mix di potenza, groove e melodia), “Carry The Weight” (dal suo riff dal retrogusto In Flames “Soundtrack To Your Escepe”-era) e la title-track posta in chiusura che chiude in maniera quasi “soft” un disco sì melodico ma anche decisamente aggressivo e potente. Buona la prova dei chitarristi Jerry e Gustav, che si mettono in luce per tutte le 10 canzoni dell’album.

Unico difetto dell’album forse una produzione leggermente troppo “pulita”. Un po’ più di “sporcizia” nel sound avrebbe giovato dal punto di vista della cattiveria dei nostri.

Un po’ metalcore, un po’ post-hc e qualche influenza emo: questi sono in estrema sintesi gli Adept. Una band che al quarto disco ha forse trovato la propria dimensione, miscelando a dovere le varie influenze.

adept - sleepless

Voto recensore
7
Etichetta: Napalm Records

Anno: 2016

Tracklist: 1 Black Veins 2 Wounds 3 Dark Clouds 4 Carry the Weight 5 Rewind the Tape 6 Down and Out 7 The Choirs of Absolution 8 Lights 9 The Sickness 10 Sleepless
Sito Web: http://www.adeptofficial.com/

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login