Abyssic – Recensione: High The Memory

Se qualcuno sta cercando un progetto fuori dai soliti schemi, deve assolutamente fermarsi sugli Abyssic. Dopo il loro album di debutto, “A Winter’s Tale”, tre anni fa, abbiamo in mano il suo successore, “High The Memory”, sempre pubblicato da Osmose Productions. Stiamo parlando di un prodotto di collaborazione tra musicisti norvegesi di fama internazionale. In entrambi i dischi sono presenti Memnock ed Elvorn dei Susperia ed Andrè Aaslie (Funeral, Images At Twilight). L’unione con Tjodalv dei Susperia e Makhashanah (Hernriette Bordvik) ha dato vita a questo nuovo lavoro. Anche non essendo fan del genere, scoprire casualmente progetti validi non guasta mai.

Gli Abyssic creano musica symphonic doom/death metal con influenze che variano tra elementi black e progressive. La combinazione con composizioni orchestrali classiche crea questa atmosfera particolare di funeral doom/death metal, dove sta dominando l’occulto, l’oscurità, il sovrannaturale.

Il disco è composto da cinque brani di lunghissima durata e fa impressione l’utilizzo di strumenti come il contrabasso, il Mellotron e il Moog, sia per gli album che per le loro performance dal vivo. Anche i death growls fanno molto bene la loro parte nella creazione di questo ambiente misterioso. Le cinque canzoni sono molto bene legate tra loro e anche se durano tantissimo, non stancano per niente. Come anche per il progetto precedente, la combinazione di musica classica con chitarre heavy crea questa atmosfera cinematografica che rende questa band incredibile.

Vale davvero la pena dedicare del tempo a questi musicisti di grande professionalità, i quali combinando vari stili di musica insieme riescono ad avere delle composizioni magnifiche, una musica doom/death metal di altissima qualità che ha cosi tanto da offrire all’ascoltatore. La copertina è stata creata da Mitchell Nolte. Consigliatissimo.

Voto recensore
8
Etichetta: Osmose Productions

Anno: 2019

Tracklist: 01. Adornation 02. High The Memory 03. Transition Consent 04. Where My Pain Lies 05. Dreams Become Flesh

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login