Ablaze My Sorrow – Recensione: “Black”

Gradevole il ritorno degli Ablaze My Sorrow, che con “Black” rifanno capolino sulle scene dopo una pausa durata oltre un decennio. Sembra passata una vita dall’ultimo disco (“Anger, Hate and Fury”), ed in effetti 14 anni non si regalano a nessuno nonostante l’affetto dei fan e degli appassionati. Ma per i nostri svedesi il tempo sembra essere stato gentile, perché nonostante tutto il loro death metal melodico (mio Dio erano anni che non usavo un termine del genere…) suona ancora efficace e divertente.

Un disco che “suona” anni ’90 dall’inizio alla fine: distorsioni, produzione, suoni della batteria e ricerca della melodia “ad ogni costo”. Sembra quasi di sentire – in alcuni tratti – “The Jester’s Race” degli In Flames: canzoni come “When All Is…” e “Tvåenighet” sono degli esempi lampanti di questa diretta filiazione. Più ispirata ai mai troppo rimpianti Dissection la cavalcata “Send The Ninth Plauge”, che convince sin dal primo riff di chitarra.

Molto bene “Blood Heritage”, che “inganna” con la sua partenza soft per poi scagliarsi con convinzione verso lidi black-thrash , e “The Storm” che spiazza (solo inizialmente) e che aumenta ancora ancora la tensione di un disco vissuto su tempi decisamente sostenuti. Bella la chiusura mid-tempo di “My Blessing” che tesse trame interessanti per un futuro prossimo a tinte “svedesi”.

Dal punto di vista personale “Black” è un bel tuffo nel passato, ma dal punto di vista squisitamente “critico” il disco è pura prevedibilità. Ogni canzone si muove su coordinate note, ma sicuramente piacevoli. Un disco per nostalgici  probabilmente, ma anche per chi più giovane vuole capire da dove sono partiti In Flames, Dark Tranquillity & compagnia. Gradevole: perfetto per un mezz’oretta di headbanging senza troppe pretese.

Ablaze my sorrow - black

Voto recensore
6
Etichetta: Apostasy Records

Anno: 2016

Tracklist: “Black” “One Last Sting” “Tvåenighet” “When All Is…” “Send The Ninth Plague” “To Reclaim What Is Ours” “Insomnia” “Blood Heritage” “Razorblade Revolution” “The Storm” “My Blessing”
Sito Web: https://www.facebook.com/ablazemysorrowswe/

Saverio Spadavecchia

view all posts

Capellone pentito (dicono tutti così) e giornalista in perenne bilico tra bilanci dissestati, musicisti megalomani e ruck da pulire con una certa urgenza. Nei ritagli di tempo “untore” black-metal @ Radio Sverso. Fanatico del 3-4-3 e vincitore di 27 Champions League con la Maceratese, Dovahkiin certificato e temibile pirata insieme a Guybrush Threepwood. Lode e gloria all’Ipnorospo.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login