Abhor – Recensione: Ab Luna Lucenti, Ab Noctua Protecti

I patavini Abhor hanno alle spalle quindici anni di militanza nel panorama underground italiano e si sono distinti tra le black metal band più rappresentative. Pur legato ai crismi della tradizione, l’ensemble ha sempre mostrato una grande personalità e volontà di ricerca in ambito lirico e musicale, senza mai insabbiarsi in lavori fini a sé stessi. Non è un caso dunque che il nuovo album “Ab Luna Lucenti, Ab Noctua Protecti”, suoni estremamente classico ma distante da ogni possibile cliché. La formula sonora è pervasa dal marchio degli Abhor ma rispetto al passato ci sono alcuni cambiamenti (e forse la pausa di quattro anni dall’ultimo “In Nostrum Maleficium”, in questo senso è servita) come l’impostazione dei brani su ritmi lenti, quasi lisergici, ma altrettanto profondi. L’opener “Golden Path” introduce l’album con parti di chitarra acustica semplici ma efficaci nella loro sinistra natura, preludio all’ottima “Hearing Without Fear”, esempio di black metal dall’incedere sofferto e sepolcrale. La successiva “Echoes Of Desperation And Hate” introduce soluzioni melodiche come un violino dal trillo impazzito, unito ai dialoghi campionati e a tappeti di tastiera evocativi, un elemento che ci accompagnerà per tutto l’ascolto con l’intento (pienamente raggiunto) di arricchire i brani senza snaturarne l’essenza sulfurea. Una tecnica funzionale anche nelle atmosferiche “De Vermiis Mysteriis” e “Wind Between Fingers”, che introduce un finale acustico con voce recitata affidato a “Aura Ignis Aqua Tellus”. “Ab Luna Lucenti, Ab Noctua Protecti” possiede tutto ciò che si confà ad una release di old school black metal, ossia una produzione volutamente ruvida, che tuttavia non compromette la percezione delle molteplici sfumature dell’album e un flavour antico ma lontano da ogni anacronismo.

Voto recensore
7
Etichetta: Moribund / Masterpiece

Anno: 2011

Tracklist:

01. The Golden Path
02. Hearing Without Fear
03. Echoes Of Desperation And Hate
04. Paranormal Mantric Experience III
05. Scent Of Sulphur
06. De Vermiis Mysteriis
07. Seven Magic
08. Wind Between Fingers
09. Aura Ignis Aqua Tellus


Sito Web: www.legioneocculta.com

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login