Mind’S Eye – Recensione: A Work Of Art

La Lion Music dopo essersi accaparrata i favori del prog act scandinavo Mind’s Eye decide di ristamparne l’ultimo e terzo lavoro ‘A Work Of Art’ risalente al 2002 in attesa di occuparsi della loro nuova creazione di cui già si conosce il titolo: ‘Walking On H2O’. Ricordiamo che la band rimase senza contratto proprio all’epoca di questo CD (come molte altre a dir la verità) per il fallimento dell’etichetta tedesca Rising Sun ed ora si ritrova addirittura ad essere un trio per l’abbandono dello storico chitarrista e fondatore Fredrik Grünberger; la Lion Music sembra comunque credere molto nella potenzialità di questi ragazzi e vedremo cosa ci serberà il futuro.

Tornando al disco in questione i Mind’s Eye ci propongono più di settanta minuti di musica “leggera” e quasi mai pungente: per darvi delle coordinate approssimative immaginatevi che i Flower Kings decidessero di inserire chitarre con una maggiore distorsione al loro prog rock (‘Courage Within’) ed abbandonassero per un istante la loro vena più folk. Come già per i due album precedenti spiccano le doti tecniche del già citato Grünberger (soprattutto nella seconda parte del CD) e del co-fondatore Daniel Flores (batterista/tastierista comunque molto più lodevole nel recente progetto XsavioR); risulta essere invece troppo fredda, impersonale ed esageratamente impostata la voce di Andreas Novak (di cui ricordiamo anche il debutto solista di qualche mese fa). Un bel pezzo memorizzabile si rivela ‘A Moment Of Honor’ tra echi di Yes e Marillion che sottolinea il soft rock degli svedesi comparabili in qualcosa anche ai “cugini” d’oltreoceano Enchant (‘Roll The Dice’) o anche l’hard/AOR dalle partiture ritmiche ricercate di ‘My Kindred Soul’ (genere tipico della tradizione scandinava); altri punti innegabili di contatto sono quelli coi Queensrÿche (‘An Eye Of An Eye’) di cui troviamo anche una riuscita cover di ‘I Will Remember’ (tratta dall’imprescindibile ‘Rage For Order’) resa più orchestrale senza perdere di vista il pathos. Rimane il fatto che quella dei Mind’s Eye, pur essendo una proposta del tutto scorrevole all’ascolto, lascia però come un senso d’incompiuto che solo i fuoriclasse sanno colmare.

Voto recensore
5
Etichetta: Lion Music / Frontiers

Anno: 2005

Tracklist: 01. Prologue - Lullaby
02. Courage Within
03. A Moment Of Honor
04. Roll The Dice
05. Room With A View
06. Shallow Water
07. My Kindred Soul
08. The Shape Of Salvation
09. These Open Eyes
10. An Eye Of An Eye
11. Hands Of Time
12. Your World
13. Epilogue - Domino

BONUS TRACKS:
14. I Will Remember
r 15. End Of The Line

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login