Draconian – Recensione: A Rose For The Apocalypse

Gli svedesi Draconian appartengono al secondo flusso delle band gothic metal europee, influenzate dalle trame stilistiche tessute da Paradise Lost, Anathema e My Dying Bride. Senza mai eccellere in originalità ma senza nemmeno suonare troppo derivativo, il six-piece di Saffle ha prodotto fino ad oggi quattro album di buon livello, intriganti commistioni doom-gothic con alla base un discorso lirico fatto di amore, morte e le immancabili “pulsioni interiori”. “A Rose For The Apocalypse” segue questo sentiero che la band ha tracciato una decina di anni fa, dopo una serie di demo ove i suoni erano più legati a un contesto di black/death metal melodico.
L’ascolto non stupisce in toto, eppure bisogna riconoscere alla band una vena compositiva fresca e con possibilità di crescita, alla luce degli ottimi brani inanellati. Che poi il quid sonoro siano i consueti mid-tempos fatti di pesanti riff in chiave doom, innesti di enfatiche tastiere e l’ormai abusato alternarsi tra il growl e la voce femminile, poco importa. Se il singolo “The Last Hour Of Ancient Sunlight” convince per la sua fruibilità e un approccio mediamente più “commerciale”, con il suo corpo melodico e un refrain intrigante, la delicata “Elysian Night” (affidata in massima parte alla voce di Lisa Johansson) mostra tutte le potenzialità del combo, stupendo per l’intima eleganza che suscita, con un abbondante ricorso ai preziosismi della chitarra acustica e della testiera. L’album scorre comunque senza zone d’ombra in tutta la sua durata, regalandoci episodi di spessore anche in occasione di “A Phantom Dissonance”, più dura e sofferta e di “The Death Of Hours”, malinconica e crepuscolare. Tutto già sentito più volte, è vero, ma non per questo banale. Finché le composizioni sono tanto coinvolgenti, ben vengano i “prevedibili” album dei Draconian.

Voto recensore
7
Etichetta: Napalm Records / Audioglobe

Anno: 2011

Tracklist:

01. The Drowning Age (07:18)
02. The Last Hour Of Ancient Sunlight (05:26)
03. End Of The Rope (06:34)
04. Elysian Night (07:52)
05. Deadlight (06:32)
06. Dead World Assembly (05:52)
07. A Phantom Dissonance (05:39)
08. The Quiet Storm (06:37)
09. The Death Of Hours (07:48)
10. Wall Of Sighs (05:14)


Sito Web: www.draconian.se

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login