Mind’S Eye – Recensione: A Gentleman’s Hurricane

Dopo il ben accolto “Walking in H2o” ci si aspettava molto dagli svedesi Mind’s Eye. Saputo poi che avevano messo mano ad un ulteriore concept la tensione si era fatta ancora più elevata. Peccato davvero che il risultato finale non sia poi tutta questa grande cosa. Intendiamoci, ” A Gentleman’s Hurricane” è un competente e piacevole lavoro di metal progressivo che non si fa mancare nulla, a partire dalla ottima tecnica strumentale, fino agli arrangiamenti articolati e alle liriche non banali, ma a far difetto è quella punta di emozione in più che ci regalano le opere di valore superiore. Dal punto di vista puramente formale non ci pare poi delle più azzeccate la produzione, davvero troppo fredda e carente di corposità. Componente che non aiuta certo le melodie a farsi strada nelle nostre preferenze, anche perché spesso le linee vocali restano in grado evidenza e non sempre suonano completamente azzeccate. “Seven Days”, ad esempio, continua a vorticare intorno alle belle armonie iniziali, ma non sembra approdare in alcun luogo lasciando una spiacevole sensazione di incompiutezza. Stessa cosa per “Assassination”, brano piacevole ma troppo scontato nel coro che verrebbe da liquidare come un brano scartato dai migliori Fates Warning perché impossibile da far rendere a piena potenzialità. E così arriviamo al fulcro della nostra critica: ci sembra di ascoltare in questo lavoro molte idee validissime che però non si combinano in modo armonico e sufficientemente compatto. Alla fine di ogni song ci si ritrova a pensare che in fondo non è male però… ci si aspettava qualcosa di più. Fosse anche solo un coro indimenticabile, un giro di batteria imprevedibile o un assolo emozionante. Ed invece niente. Nulla che colpisca oltre la norma. Tranne ovviamente qualche scampolo in cui si intravede la classe di cui sappiamo essere capaci i Mind’s Eye. Sicuramente si resta sopra la media nel complesso, ma sarebbe come arrivare in zona Uefa con una squadra da scudetto. Non si può certo essere completamente soddisfatti.

Voto recensore
6
Etichetta: Lion Music / Frontiers

Anno: 2007

Tracklist: 01. Praying For Confession
02. Seven Days
03. Assassination
04. Chaos Unleashed
05. Hell's Invitation
06. Feed My Revolver
07. Ashes To Ashes ( In Land Lullaby )
08. The Hour Of Need
09. Red Winter Sirens
10. Skin Crawl
11. Graveyard Hands
12. Say Goodnight
13. Pandora's Musical Box

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login