The Showdown – Recensione: A Chorus of Obliteration

Dopo essersi formati nel 2002 ad Elizabethton, Tennessee, gli Showdown debuttarono nel 2004 proprio con questo album ‘A Chorus Of Obliteration’, prodotto dall’etichetta indipendente Mono Vs. Stereo: nel 2006 la Century Media ha avuto interesse nel riscoprire questo album passato in secondo piano nella scena metalcore internazionale e nello stipulare un contratto con gli Showdown per una potenziale pubblicazione nel 2007.

La proposta musicale dei cinque americani è un metalcore contaminato da influenze thrash e death europeo, e costantemente permeato dalla melodia delle chitarre. La voce growl di David Bunton non si presenta completamente matura, ma lascia trasparire delle discrete soluzioni, soprattutto in tracce come ‘Hell Can’t Stop Us Now’.

Certi riff hanno reminescenze prettamente Iron Maiden e il tessuto sottostante spesso risulta abbastanza scoordinato nei suoi passaggi da uno stile musicale all’altro: la struttura di base di ogni brano può considerarsi accettabile, ma i patterns sono troppo ripetitivi e troppo poco intervallati da fraseggi acustici.

L’episodio più convicente è ‘Epic: A Chorus Of Obliteration’, dotata di un incedere valido e non scontato; ‘From The Mouth Of Gath Comes Terror’ è invece una furiosa cavalcata metalcore, costantemente sostenuta da un riffing devastante e da un lamento rabbioso, ma non si nota nulla di estremamente significativo se non una certa attitudine ad unire temi southern rock alla matrice metal sottostante.

Per il resto, il disco si mantiene su livelli monotoni e banali, senza destare l’attenzione degli ascoltatori e collocandosi nella cerchia delle infinite pubblicazioni tutte ben prodotte, ma prive di innovazione o di originalità.

In definitiva, ottima la tecnica ma insufficiente l’inventiva e la personalità degli Showdown, che per poter acquisire posizioni importanti all’interno del panorama metal dovranno cambiare tipo di song-writing, puntando su qualcosa di più inusuale e di meno tradizionale.

Voto recensore
6
Etichetta: Century Media

Anno: 2006

Tracklist: 01. A Monument Encased in Ash
02. Hell Can't Stop Us Now
03. Epic: A Chorus of Obliteration
04. From the Mouth of Gath
05. A Proclamation of Evil's Fate
06. Dagon Undone (The Reckoning)
07. Iscariot
08. Dolor Per Proelium (Your Name Is Defeat)
09. Deus Invictus (Your Name Is Victory)
10. Laid to Rest

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login