Andrew W.k. – Recensione: 55 Cadillac

Tutto ci si sarebbe potuto aspettare da quell matto di Andrew W.K., ma proprio tutto, tranne che il suo quarto album fosse un concept album, incentrato sul mondo delle macchine (o dei guidatori), completamente strumentale! E di piano solo!! Si, di piano solo!! Ma siamo impazziti? Dove sono finite le cavalcate alla ‘Party Hard’, con cui il nostro è entrato prepotentemente(?) nelle nostre vite? E il sangue? Il ghigno malefico, i nasi spaccati? Mah… Quel che si evidenzia subito, sin dal primo ascolto di questo album, è che questo “virtuoso del piano” vuol descrivere vari passaggi della giornata di un guidatore; il filo conduttore che ci porta da un brano all’altro, quasi a “girare pagina” tra un capitolo ed il seguente della saga automobilistica a cui stiamo assistendo è infatti quasi sempre il rumore di un auto che passa, ed è l’unica suono (tranne l’accensione rombante del motore all’inizio, un improbabile assolo di “suole” in coda a ‘Night Driver’ e un crescendo con chitarre e percussioni nel roboante finale) estraneo agli 88 tasti del pianoforte. Il risultato, però, è comunque altalenante, con alcuni passaggi e temi che rendono bene le emozioni e gli stati d’animo, così come situazioni impreviste e noie con cui il moderno conducente di auto si trova quasi giornalmente ad avere a che fare, mentre altre volte, le soluzioni scelte sono più prolisse e discutibili, visto che W.K. si lascia trascinare in sperimentazioni New Age e fughe al limite del Free Jazz più pesante e rompiballe. A fine album, quello che ci resta è una dichiarazione d’amore: di un uomo verso la sua macchina. Infatti non sono rari passaggi più soffici, dove si evince tutta la tenerezza che l’auto suscita nel suo padrone, orgoglioso e fiero di possedere un simile gioiellino e di poterlo lanciare in sfrenate accelerazioni sulle “Highway” o portarlo semplicemente a fare un giro, solo per il gusto di sfilare per le vie cittadine e suscitare l’invidia di chi una macchina così può solo sognarsela! Stiamo pur sempre parlando di una Cadillac no??

Voto recensore
6
Etichetta: Skyscraper Music Maker

Anno: 2009

Tracklist:

01. Begin The Engine

02. Seeing The Car

03. Night Driver

04. Central Park Cruiser

05. 5

06. City Time

07. Car Nightmare

08. Cadillac


0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login