Header Unit

36 Crazyfists – Recensione: Lanterns

Dopo alcuni anni di assenza dal nostro portale torniamo a recensire un nuovo disco dei 36 Crazyfists. Nonostante i nostri siano sempre rimasti nelle retrovie, sono comunque in giro ormai da vent’anni e il qui presente “Lanterns” costituisce per loro il settimo album in carriera. La band americana rientra al di là di tutto fra i primi esponenti del metalcore, filone che interpreta aderendo totalmente alla tradizione.

Aspettatevi dunque vocals in scream che si alternano al cantato pulito, innestandosi su strutture debitrici dell’hardcore e del thrash, addolcite però da massicce dosi di melodia e confezionate con una produzione moderna e accattivante. L’approccio del quartetto dell’Alaska è insomma prettamente commerciale e mainstream, ma le canzoni che ne emergono risultano spesso piacevoli e coinvolgenti.

Si veda ad esempio l’ottimo singolo apripista “Better To Burn”, pezzo tirato e senza punti deboli, vincente grazie al suo refrain che non ti lascia più già dopo il primo ascolto. “Death Eater” è una opener bella tosta, “Wars To Walk Away From” una traccia spedita e carica di groove, mentre “Damaged Under Sun” si fa apprezzare per la sua ritmica frenetica e la più tranquilla “Sea And Smoke” riesce nel suo obiettivo di alleggerimento. Le dodici canzoni che compongono l’album sono però eccessive e la seconda parte del disco non mantiene le buone premesse della prima; la carica di “Laying Hands” e di “Below The Graves” salva comunque la situazione anche in questo frangente.

I 36 Crazyfists sono sempre stati tacciati (e non a torto) di essere un gruppo tarato esclusivamente sui fan del metalcore: i tempi e il genere in questione sono però ormai maturi ed è forse il caso di valutare il combo statunitense per quello che è, ovvero un ensemble dedito alla produzione di brani sì semplici e derivativi, ma che funzionano. Nel nuovo “Lanterns” di questi pezzi ce ne sono eccome e il platter, al netto di alcuni difetti (un po’ troppo lungo e colmato da filler, poco vario a livello compositivo), si può meritare una sufficienza più che abbondante.

Voto recensore
6,5
Etichetta: Spinefarm Records

Anno: 2017

Tracklist: 01. Death Eater 02. Wars To Walk Away From 03. Better To Burn 04. Damaged Under Sun 05. Sea And Smoke 06. Where Revenge Ends 07. Sleepsick 08. Bandage For Promise 09. Laying Hands 10. Below The Graves 11. Old Gold 12. Dark Corners
Sito Web: https://www.facebook.com/36crazyfists/

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login