Cult Of Fire – Recensione: मृत्यु का तापसी अनुध्यान

Avevamo lasciato i cechi Cult Of Fire poco più di un anno fa con “Triumviràt”, album discreto ma che di fatto definiva i nostri come non più di bravi continuatori nel campo del black metal di stampo tradizionale. E’ un piacere ritrovarli a poco tempo di distanza con questo “मृत्यु का तापसी अनुध्यान”, un disco intitolato in lingua hindi, come tutte le canzoni del platter. Un alone di mistero circonda dunque questo lavoro, che ovviamente diventa difficile da comprendere, alla luce del fatto che i traduttori messi a disposizione dai principali portali del web, non sembrano venirci incontro. La nuova opera dei cechi è in ogni caso un lavoro da tenere in seria considerazione. Il black metal primitivo si è evoluto esponenzialmente, non solo in termini di tecnica esecutiva quanto nella sua capacità di avvicinarsi a generi musicali differenti e a farli propri, tessendo inoltre trame melodiche diaboliche ma incredibilmente suadenti. Potremmo dire anche “orecchiabili”, sebbene il termine sia da prendere con le pinze, ma credeteci, da una grande soddisfazione ascoltare parti di curatissimo black metal epico e dal piglio siderale che si “imbastardisce” con innesti psichedelici tessuti dall’hammond, lunghi e sensuali fraseggi di sitar e musica mediorientale. Una variante davvero pregevole e utilizzata più volte nell’album, sia quando i brani sono possenti e veloci, sia quando è volontà della band mostrare un lato intimo, ermetico e sfuggente. A vincere è comunque il mid-tempo, è il passaggio avvincente e carico di un’enfasi che non scade mai nella pacchianeria. Un album che ha l’odore della terra e il sapore della magia. E’ come se i Cult Of Fire avessero assimilato la lezione impartita da Nachtmystium, Funeral Mist, Wolves In The Throne Room e Leviathan, rileggendo il tutto in modo assolutamente personale. Di certo una delle release di black metal più interessanti dell’anno.

Voto recensore
8
Etichetta: Iron Bonehead Productions

Anno: 2013

Tracklist:

01.  संहार रक्त काली
02.  अस्तित्व की चिता पर
03.  शव साधना
04.  काली मां
05.  मृत्यु ही सत्य है
06.  मृत्यु का वीभत्स नृत्य
07.  खण्ड मण्ड योग
08.  दिव्य प्रेम की ज्वाला से दग्ध


Sito Web: http://www.cultoffire.cz/news/

andrea.sacchi

view all posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login