Header Unit

Whitesnake: il ritorno di Vandenberg? “mai dire mai”

A seguito della separazione di Doug Aldrich dai Whitesnake di David Coverdale (qui i dettagli), Adrian Vandenberg si dice aperto all’idea di tornare a far parte della band, ma ad una condizione importante..

Il chitarrista olandese divenne il braccio destro di David Coverdale a metà degli anni ’80 e se ne andò quando la band si sciolse nel 1997. Vandenberg è stato sostituito da Doug Aldrich nel 2002, quando la band ha deciso di riunirsi, ma ora Aldrich ha lasciato la band.

Vandenberg, che è di recente tornato in azione con i Vandenberg’s Moonkings, ha dichiarato:

David e io faremo qualcosa insieme in futuro, sia che si tratti di noi due in acustico, sia che si tratti di un album blues, un album rock o un tour.
Siamo troppo dei buoni amici per non farlo e ci siamo sempre divertiti molto nel lavorare insieme.

Quando stavo negli Whitesnke.. è stato un successo, ho goduto di far musica con una grande band. Questo è ciò che abbiamo fatto.

Anche se spesso sento varie considerazioni circa l’atteggiamento difficile di Coverdale, non mi sono mai sentito vittima di questo. E’ la sua band e io lo rispetto. Non l’ho mai sentito come se fosse un capo, siamo sempre stati davvero dei buoni amici.

Lui prende il suo lavoro molto sul serio, e se c’è qualcuno nella band che non la prende alla stessa maniera allora si incazza. Pensa che tutti dovrebbero essere concentrati e seri nella musica esattamente come è lui. Anche io lo sono, ed è il motivo per cui abbiamo ottenuto tanto insieme.

Un ritorno negli Whitesnake? Mai dire mai.. ma deve essere accanto ai Moonkings, non al loro posto.

aristides vandenberg

selene.farci

view all posts

La mistress del team news di Metallus.it. Ogni virgola fuori posto è una frustata ai poveri redattori che ormai implorano pietà. Dalla Sardegna con furore, ma al posto del tunz tunz del Billionarie il suo pensiero fisso è la Love Machine di Blackie Lawless. Si divide tra la macchina fotografica, matrimoni e metallo colante.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login