Wacken Metal Battle Italy 2019: vincono i Brothers Of No One

Comunicato stampa:

Il 25 maggio, presso L’ArciTom di Mantova, si è tenuta la finale nazionale italiana del W:O:A Metal Battle Italy 2019.

Ecco i risultati emersi dalle votazioni dei giurati che hanno esaminato le performance delle 4 band finaliste durante la finale romana:

1° posto (Italian Metal Battle Winner 2018!)
BROTHERS OF NO ONE
punteggio complessivo – 132

2° posto
SHOCKIN’ HEAD
punteggio complessivo – 121

3° posto
BLODIGA SKALD
punteggio complessivo – 108

4° posto
MEMBRANCE
punteggio complessivo – 91

Sarà dunque dei BROTHERS OF NO ONE il prestigioso compito di rappresentare la nostra Nazione direttamente sul palco del festival Heavy Metal più importante del mondo in occasione della finale internazionale del METAL BATTLE 2019 che vedrà sfidarsi tutte le band vincitrici provenienti dalle altre nazioni del mondo che partecipano al concorso!
La A.C. ForMusic e Truck Me Hard, che hanno collaborato per la realizzazione del concorso in Italia, si congratulano con i Brothers Of No One per la loro vittoria, ma si complimentano anche con tutte le altre band che hanno partecipato al concorso che hanno dimostrato quanto ancora molto il metal italiano abbia da dire al resto del mondo, invitandole a non demordere e a riprovarci nella prossima edizione!
I Brothers Of No One nascono nel 2006 a Vicenza e propongono un Nu dalle sonorità moderne con influenze Groove e pesanti break down. Le sfumature electro/industrial/dubstep completano il quadro. Offrono uno show d’impatto e ad alto coinvolgimento con particolare attenzione per il look. La scelta del vestiario richiama volontariamente l’abbigliamento di varie figure di spicco che troppo spesso si nascondono dietro il potere della loro maschera per compiere atti deprecabili.
Forza ragazzi, prossimo passo: WACKEN!

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login