Volcano Records: un fondo a favore dei progetti musicali originali

Comunicato stampa:

Data la complessa situazione economica che il comparto musica in Italia sta affrontando a causa dell’epidemia di Covid-19, Volcano Records & Promotion, in collaborazione con i partner commerciali e strategici Brutus Vox Music Recording Studio, T-Rex Mastering Studio, Native Division Records e Blue Mama Records, ha deciso di mettere a disposizione di artisti, musicisti e band italiane, un fondo per sostenere ed incentivare la produzione di musica originale.

Il fondo finanzierà lavori di produzione di nuova musica e campagne promozionali dedicate, per un valore di 20.000 euro stanziati a fondo perduto, incluse attività di registrazione, mixaggio, mastering, pubblicazione, distribuzione, ufficio stampa e marketing.

Chi può richiedere l’accesso al fondo

Può richiedere l’accesso al fondo qualsiasi musicista, cantante, artista o gruppo musicale che attraverso il form scaricabile dalla pagina SOS Music sul sito della Volcano, sia in grado di proporre un’idea di progetto artistico accattivante ed originale da sviluppare nei prossimi 18/24 mesi.

Per richiedere di accedere al finanziamento a fondo perduto, la domanda andrà inviata alla mail indicata sul sito internet di Volcano Records entro il 29 maggio 2020. Le domande che saranno accolte ad insindacabile giudizio della direzione di Volcano Records & Promotion, passeranno ad una seconda fase istruttoria che prevede l’analisi di fattibilità dei progetti proposti condizionante l’approvazione definitiva dei finanziamenti che avverrà entro il 24 luglio 2020.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login