Volbeat: il video ufficiale di “Shotgun Blues”

Comunicato stampa:

Oggi la band danese multiplatino Volbeat svela il nuovo video di “Shotgun Blues”, singolo estratto dall’imminente ottavo album, Servant of the Mind (Universal, 3 dicembre).

Altre canzoni dell’album tessono racconti intricati e affascinanti. “The Sacred Stones” racconta la storia di “un essere terreno che si è affidato al lato oscuro. È in missione, parla alle forze più oscure e agli angeli caduti”. D’altro canto, “The Devil Rages On” guarda all’idea del diavolo che prende forma umana. La canzone di apertura dell’album “Temple of Ekur” ritorna ai temi antichi esplorati in brani del passato come “The Gates of Babylon”, mentre l’epica chiusura del disco “Lasse’s Birgita” parla della storia dei primi roghi di streghe avvenuti in Svezia nel 1471.

Con una carriera ventennale alle spalle, i Volbeat hanno condiviso il palco con leggende come Black Sabbath, Metallica, Motörhead, Slipknot, Megadeth, Anthrax e altri. Hanno raggiunto quasi tre miliardi di streaming nel corso della loro carriera, hanno ottenuto una nomination ai Grammy nella categoria Best Metal Performance per “Room 24 (feat. King Diamond)”, tratta dall’acclamato disco d’Oro Outlaw Gentlemen & Shady Ladies del 2014, e si sono aggiudicati diversi Danish Music Awards. Senza riposare sugli allori, il loro prossimo album Servant of the Mind, che è stato scritto e registrato durante il lockdown e la quarantena resi necessari dalla pandemia COVID-19, è introspettivo ma non è meno rumoroso o trascinante dei lavori precedenti.

Volbeat hanno anche annunciato il loro tour del 2022 da co-headliner con i Ghost e gli ospiti speciali Twin Temple, che toccherà città come Seattle, Denver, Chicago, Houston e Phoenix. I biglietti del tour, co-prodotto da Live Nation e Frank Productions, sono disponibili qui. Pacchetti VIP limitati sono disponibili anche su volbeat.dk.

Da quando si sono formati nel 2001, i Volbeat sono passati dai club di Copenaghen ai palchi di tutto il mondo, compreso il famoso stadio Telia Parken in Danimarca dove hanno registrato il tutto esaurito, come primo artista nazionale. Nel corso di sette album da record, la band ha collezionato canzoni da numero uno (tra cui nove #1 nella classifica US Mainstream Rock), certificazioni multi-platino, premi e riconoscimenti in tutto il pianeta. Il loro ultimo album, Rewind, Replay, Rebound, è uscito il 2 agosto 2019 e da esso sono stati estratti i singoli di successo “Last Day Under The Sun”, “Die To Live (feat. Neil Fallon)” e “Leviathan”. Un album dal vivo con canzoni registrate durante il successivo tour mondiale, Rewind, Replay, Rebound: Live in Deutschland, è uscito in digitale il 27 novembre 2020. Più recentemente, hanno contribuito con una cover di “Don’t Tread on Me” a The Metallica Blacklist, e tutti i proventi del brano sono stati donati in beneficienza a All Within My Hands Foundation e alla danese Børne Cancer Fonden.

SERVANT OF THE MIND Standard Edition Tracklist:
1. Temple of Ekur
2. Wait A Minute My Girl
3. The Sacred Stones
4. Shotgun Blues
5. The Devil Rages On
6. Say No More
7. Heaven’s Descent
8. Dagen Før (feat. Stine Bramsen)
9. The Passenger
10. Step Into Light
11. Becoming
12. Mindlock
13. Lasse’s Birgitta

Deluxe 2 CD/2 LP e Digital Deluxe Bonus Tracks:
14. Return To None (Wolfbrigade cover)
15. Domino (The Cramps/Roy Orbison cover)
16. Shotgun Blues (feat. Dave Matrise from Jungle Rot)
17. Dagen Før (Michael Vox Version)

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login