Turbonegro: unica data italiana il 17 giugno

Comunicato stampa:

Hard Staff & Circolo Magnolia
presentano
TURBONEGRO
www.turbonegro.com

UNICA DATA ITALIANA
17 giugno 2014
Magnolia Estivo – Segrate (MI)

Quando nel 2010 Hank Von Helvete ha mollato la band li abbiamo dati tutti per finiti: cosa potevano fare quel gruppo di musicisti borderline, perversi e controversi senza il loro istrionico cantante?
Non ci sbagliavamo, l’annuncio dello scioglimento è seguito a ruota. Ma quello che non ci si aspettava è che si sarebbero rimessi in piedi così velocemente e, soprattutto, ancora più fighi di prima.

Chiuso il capitolo Hank, ad affiancare Euroboy, Rune Rebellion ed Happy Tom arrivano Tony Duke of Nothing alla voce e Tommy Manboy alla batteria e i risultati sono immediati: nel luglio 2012 esce Sexual Harassement (Universal/Volcom), il nono album dei Turbonegro e il primo con la nuova formazione. Il sound? Quello dei vecchi Turbonegro ma con una marcia in più: più veloci, più cattivi, più punk, più hard rock e più pop… più Turbonegro che mai. Ad accogliere entusiasti il lavoro non potevano mancare i 2’600 chapters di una Turbojugend che non aspettava altro: 32 minuti di devasto totale.

Se Apocalypse Dudes (1998/Virgin) è stato l’album della consacrazione mondiale, Sexual Harassement è la conferma che il deathpunk dei Turbonegro, nonostante eccessi e battute di arresto, è ancora il migliore in circolazione.
Ci erano mancati, a 7 anni di distanza dall’ultima data milanese tornano i Turbonegro:
Are You Ready (For Some Darkness)?

TURBONEGRO
Special guest: The Leechees + Diego Deadman Potron

17.06.2014 Circolo Magnolia,
via Circonvallazione Idroscalo 41
20090, Segrate (MI)

Cancelli: 19.00
Inizio concerti: 21.30

Ingresso 22 euro in prevendita / 25 euro porta – prevendite tickeone.it e vivaticket.it

Per info:
www.hard-staff.com
www.circolomagnolia.it

turbonegro

selene.farci

view all posts

La mistress del team news di Metallus.it. Ogni virgola fuori posto è una frustata ai poveri redattori che ormai implorano pietà. Dalla Sardegna con furore, ma al posto del tunz tunz del Billionarie il suo pensiero fisso è la Love Machine di Blackie Lawless. Si divide tra la macchina fotografica, matrimoni e metallo colante.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login