Trivium: il video ufficiale di “What The Dead Men Say”

Comunicato stampa:

Nel corso degli ultimi 20 anni, i Trivium — Matt Heafy [voce, chitarra], Corey Beaulieu [chitarra], Paolo Gregoletto [basso] e Alex Bent [batteria] — hanno guadagnato e consolidato la propria posizione tra le realtà più importanti del panorama heavy del ventunesimo secolo. La band della Florida nominata ai Grammy pubblicherà il nono album in studio What The Dead Men Say” il 24 aprile su etichetta Roadrunner Records.

Oggi i Trivium presentano la title track “What The Dead Men Say”.

Il video di “What The Dead Men Say” è stato girato e diretto dal regista inglese Ryan Mackfall durante l’isolamento. I Trivium hanno annunciato la pubblicazione di What The Dead Men Say” e pianificato questo video prima dell’emergenza COVID-19. Il prodotto finale è stato velocemente concluso durante le ultime due settimane nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti (l’intera crew ha indossato maschere e guanti e mantenuto la distanza di sicurezza).

“Abbiamo sempre scelto con molta cura il brano che sarebbe diventato title track dell’album perché rappresenta il tema musicale dell’intero lavoro”, commenta Paolo Gregoletto. “‘What The Dead Men Say’ è nata da due diversi demo diventati poi un unico epico brano. I suoi riff sono bestiali!”.

Tracklist:

“IX”

“What The Dead Men Say”

“Catastrophist”

“Amongst The Shadows And The Stones”

“Bleed Into Me”

“The Defiant”

“Sickness Unto You”

“Scattering The Ashes”

“Bending The Arc To Fear”

“The Ones We Leave Behind”

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login