Tremonti: nuove dichiarazioni su “Dust”, successore di “Cauterize”

L’annuncio dell’uscita di due nuovi album del progetto Tremonti – band capitanata da Mark Tremonti (Alter Bridge, Creed) – ha entusiasmato tutti i fan del combo americano, tuttora in attesa di poter ascoltare il primo disco, “Cauterize“, la cui uscita è prevista per il prossimo 9 giugno tramite la Fret12. Recentemente intervistato da Guitar International, in merito alla decisione di pubblicare la seconda parte di “Cauterize” il chitarrista statunitense ha rilasciato questa lunga dichiarazione:

Sul primo CD, eravamo vincolati da questioni finanziarie e di tempistica ed eravamo solo io, Eric Friedman e Garrett Whitlock, non avevamo ancora un bassista. Inizialmente, volevamo rilasciare l’album online e vedere cosa sarebbe accaduto. Come abbiamo visto che le cose stavano progredendo, ci siamo sentiti entusiasti e abbiamo sentito la necessità di rilasciarlo come CD, per cui dovevamo trovare un bassista e andare successivamente in tour. Sapevamo di cosa eravamo in grado di fare realizzando questo album, per cui abbiamo aumentato estremamente il budget. Avevamo più tempo, abbiamo impiegato più tempo nella pre-produzione e abbiamo spinto il processo compositivo il più duramente possibile con sessioni quattro volte più lunghe in confronto al primo CD.

Abbiamo impiegato almeno 40 giorni nella scrittura dei pezzi prima di concentrarci sulla pre-produzione. Nell’album degli Alter Bridge, “Fortress“, abbiamo impiegato solo una settimana per la stesura dei brani, moltiplica quello per tantissime volte per capire quanto lavoro effettivo è stato fatto in questo cd. Abbiamo un secondo album completo che è nato proprio da quelle sessioni. Questa sarà la prima parte di questo ciclo di pubblicazione. Pubblicheremo “Cauterize”, vedremo come andranno le cose e successivamente pianificheremo l’uscita del secondo cd, vedremo se col tempo si tratterà di un album completo o solamente singoli.

E’ stato arduo scegliere quali brani inserire in ciascun disco. Una delle mie canzoni preferite tra tutte le 20 composte è un brano chiamato “Dust”. Sarà l’ultimo pezzo della tracklist del secondo album, per cui se ci trovassimo a pubblicare una canzone alla volta, questa sarà l’ultima canzone che tutti vorrebbe ascoltare e la cosa per me è difficile”. Non vorrei che la gente pensasse che il primo cd sia il lato “A” e il secondo album sia il suo lato B. Non è questo il caso e vorrei, invece, che a tutti piacesse il secondo disco tanto quanto il primo.

Ricordiamo, inoltre, che i Tremonti hanno da poco reclutato Tanner Keegan come bassista per il tour, dopo aver annunciato in un primo momento la partecipazione (poi saltata) di Wolfgang Van Halen.

Tremonti04

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login