Tremonti: il video live del brano “Marching In Time”

Comunicato stampa:

Dopo il primo singolo “If Not For You” che sta dominando Active Rock radio, i Tremonti oggi svelano un’altra canzone tratta dal loro quinto album in studio. L’epica title track “Marching In Time, che chiude il disco, dura 7:34 ed è disponibile su tutte le piattaforme digitali. Marching In Time racconta la storia di un padre che ha un figlio durante una pandemia globale e di come si prepara alla vita durante quel periodo; un qualcosa che Mark Tremonti ha recentemente sperimentato nella sua vita. I TREMONTI, che hanno di recente annunciato le date del tour nordamericano, pubblicheranno il loro quinto album in studio Marching In Time” il 24 settembre su Napalm Records.

Mark Tremonti non è estraneo alla narrazione. Durante i suoi anni con le band di punta Alter Bridge e Creed, e più recentemente con la sua band solista, Mark non si è mai allontanato dalla sua passione per la scrittura di canzoni memorabili. Con l’imminente quinto album, “Marching In Time”, la band continua a seguire questa tendenza mentre esplora il suo amore per la musica pesante, attingendo da eventi avvenuti nell’ultimo anno per costituire la base di ogni canzone. Mentre il suo predecessore, “A Dying Machine”, era un concept album intriso di sentimenti e storie più oscuri, l’atmosfera di “Marching In Time” è diversa ed emerge come una carica rock/metal che conduce l’ascoltatore in dodici viaggi individuali. Chi preordina il disco “Marching In Time” in digitale riceverà immediatamente i download di Marching In Time e If Not For You.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login