Torchia: il video ufficiale di “Plague Peasant”

Comunicato stampa:

Tra due settimane i death metaller finlandesi TORCHIA pubblicheranno il loro secondo album “The Coven”, il 27 marzo su Rockshots Records.

Oggi, la band svela il nuovo video di ‘Plague Peasant’, terzo singolo tratto dal nuovo album.

La band commenta:

Il singolo up-tempo ‘Plague Peasant’ è fortemente guidato dalla chitarra melodica solista, che è stata il marchio di fabbrica di molte band melodic death metal finlandesi, ma non così spesso per i Torchia. Questa canzone è in qualche modo un omaggio ai nostri grandi connazionali e un’altra favorita per tutti i fan del melodeath della vecchia scuola e del ‘sound finlandese’.

Nati dall’oscurità interiore del compositore e paroliere Ville Riitamaa, i TORCHIA prendono ispirazione da una moltitudine di sottogeneri metal e la loro missione è quella di rivitalizzare il genere del death metal melodico, introducendovi un senso di pericolo e imprevedibilità.

“‘The Coven’ è un rapido assalto di canzoni accuratamente realizzate per veri metalhead” afferma la band, “l’album è stato prodotto ancora una volta dal finlandese Hiili Hiilesmaa, che ha lavorato con gli HIM, Amorphis, Ensiferum e molti altri. Questa volta abbiamo voluto prendere l’essenza del suono dei Torchia e spingerla verso il regno del death metal.”

L’artwork di “The Coven” è stato creato ancora una volta dal pittore simbolista Santiago Caruso.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login