The Dead Daisies: il video del singolo “Holy Ground”

Comunicato stampa:

Come una Fenice in ascesa, i The Dead Daisies sono pronti a dissotterrare il loro terzo singolo “Holy Ground” oggi Giovedì 3 dicembre.

Il brano fa capire subito a tutti che i The Dead Daisies sono fermamente determinati a dimostrare che fondere elementi di classic rock con una freschezza contemporanea entusiasmerà i fan e conquisterà anche i critici più accaniti.

“Holy Ground (Shake The Memory)” è stata la prima canzone che Glenn ha scritto per le sessioni di pre-produzione ai Sunset Sound Studios di Los Angeles e che è diventata la title track dell’omonimo album in uscita il 22 gennaio 2021.

Glenn dice:

“Holy Ground” ha un groove intenso, luci e ombre drammatiche e un coro imponente. Si tratta di risvegliare il momento presente, scuotendo il ricordo e trasformandolo in coscienza.

Con questo anno folle quasi terminato, questo brano ha un nome appropriato e mette in evidenza il vivere il momento e sfruttarlo al meglio. Il suo messaggio positivo è un rafforzamento per godere di ciò che la vita ha da offrire in un dato momento.

“Holy Ground è un profondo e intenso viaggio musicale che prende strade inaspettate e ti fa crollare esausto ma felice!” – Doug Aldrich

La band si è recentemente riunita per una jam a Los Angeles e ha sentito l’energia e la chimica tra loro quando ha suonato i brani del nuovo album. Era proprio la medicina che serviva a tutti loro per essere entusiasti di quello che speriamo sarà un grande 2021!

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login