Sweet/Lynch: al lavoro su un nuovo album nel 2017

Il progetto musicale nato dall’associazione tra Michael Sweet e George Lynch continuerà anche dopo la pubblicazione dell’album Only To Rise” (la recensione), pubblicato da Frontiers Music a inizio 2015. Michael Sweet ha infatti dichiarato che i due musiciisti torneranno a registrare insieme nuovo materiale probabilmente nei primi sei mesi del 2017, facendo coincidere le registrazioni con quelle del nuovo album degli Stryper. Ecco come Michael Sweet ha sintetizzato i programmi per lui e Lynch per i prossimi mesi:

Abbiamo inciso un album, ed è andato molto bene. E stiamo facendo un altro album…lo stiamo programmando adesso. L’obiettivo è quello di andare in studio nello stesso momento in cui ci andranno gli Stryper per registrare il prossimo album e di registrarlo nello stesso momento. Quindi succederà tra gennaio e giugno 2017…e sarà fantastico! Sono molto contento del progetto Sweet & Lynch. Mi è dispiaciuto molto non essere andati in tour insieme, ma andremo in tour l’anno prossimo, anche se solo per due settimne, o forse qualcosa in più. Comunque andremo in tour e pubblicheremo un altro album. George sta lavorando ad altre idee. Sarà sempre io il produttore dell’album…sarà stupendo!

E’ possibile inoltre che ci sia una variazione nella line up che suonerà insieme a Sweet e Lynch; Michael Sweet ha anticipato che potrebbero essere reclutati Will Hunt alla batteria e Todd Kearns al basso al posto rispettivamente di Brian Tichy e James Lomenzo.

Michael-Sweet-George-Lynch

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login