Survivor: Jimi Jamison è morto per abuso di metanfetamina

Jimi Jamison, ex-cantante dei Survivor, è stato trovato senza vita nella sua casa attorno alle ore 1 A.M. di lunedì 1 settembre dal figlio. Jamison aveva 63 anni.

Stando ai risultati dell’autopsia, pubblicati ieri, 11 novembre, la morte di Jamison sarebbe stata accidentale.
Il medico legale della contea di Shelby ha dichiarato:

Acuta intossicazione da metanfetamine che ha contribuito ad un inctus emorragico cerebrale. Il test tossicologico del sangue femorale postmortem ha mostrato una dose tossica letale di combinazione tra metanfetamina ed una dose terapeutica di anfetamina metabolita.

Ricordiamo che il cantante fece parte della line up della band nel periodo compreso tra il 1984 e il 1988, registrando tre album con la band: “Vital Signs” (1984), “When Seconds Count” (1986), “Too Hot To Sleep” (1988). Ritornò poi nella formazione nel 2000 per altri sei anni.

L’avvocato di famiglia Jeff Ward aveva pubblicato il seguente comunicato:

Questo pomeriggio, il rinomato performer e cantante Jimi Jamison è scomparso nella sua casa a Memphis, Tennessee. Jimi era una amico per chiunque lo conoscesse. Era un padre e nonno amorevole e una persona in grado di valorizzare le persone più di chiunque altro.

La famiglia ha chiesto di rimanere nella propria privacy per il momento estremamente difficile. La famiglia ha inoltro richiesto che qualsiasi donazione venga fatta all’associazione benefica preferita di Jimi, ovvero il St. Jude’s Children’s Research Hospital.

L’ultima testimonianza in studio di Jimi risale al 2012 con l’album solista “Never Too Late“. Noi lo ricordiamo con uno dei suoi classici registrati con i Survivor.

selene.farci

view all posts

La mistress del team news di Metallus.it. Ogni virgola fuori posto è una frustata ai poveri redattori che ormai implorano pietà. Dalla Sardegna con furore, ma al posto del tunz tunz del Billionarie il suo pensiero fisso è la Love Machine di Blackie Lawless. Si divide tra la macchina fotografica, matrimoni e metallo colante.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login