Surrender Of Divinity: omicidio a sfondo satanico in Thailandia

Molti di noi probabilmente non hanno mai sentito parlare della scena black metal thailandese, almeno fino ad oggi. Purtroppo questa scena salta alla ribalta oggi per via di una di quelle notizie che non si vorrebbero mai dare. Samong Traisattha, soprannominato Avaejee, cantante 36enne della band black metal Surrender Of Divinity, è stato infatti assassinato con una trentina di coltellate nella sua casa nella giornata di mercoledi 8 gennaio. L’omicida, stando alle parole della moglie della vittima, risponderebbe al nome di Prakarn Harnphanbusakorn, ritenuto un fan del gruppo ed invitato in casa dalla vittima; non si sa però cosa sia successo fra i due, perchè il sospettato è tuttora latitante. Due giorni dopo sono poi comparse su Facebook, sulla pagina di un fantomatico Maleficent Meditation, alcune foto molto esplicite della scena del crimine, complete della descrizione di come l’assassino avrebbe accoltellato Avaejee, ed un comunicato delirante sulle ragioni per cui il delitto sarebbe stato commesso, che recita fra l’altro:

Avevo pensato di porre fine alla mia vita da quando avevo 25 anni. Dato che comunque morirò, volevo portare con me quelli che infangano il vero satanismo. Mi sono astenuto però dall’uccidere donne e bambini…ho più rispetto per i buddisti, i cristiani e i musulmani devoti rispetto a coloro che si definiscono satanisti senza sapere di che cosa stanno parlando…se non l’avessi ucciso io, sono sicuro che sarebbe stato assassinato da qualcun altro più avanti. Soprattutto, Satana non è un giocattolo. Non definirti satanista se non credi in Satana!!!

La band dal canto suo, ha diffuso la tragica notizia sulla propria pagina Facebook:

Avaejee, il nostro Black Vomitor/Bass Thunder e, più importante dii tutto, il nostro fratello di sangue, è morto ieri, assassinato brutalmente. Non ci sono parole per esprimere la perdita nella nostra orda. Che tu possa riposare, fratello! Possano le fiamme più nere splendere per sempre.

surrender of divinity

3 Comments Unisciti alla conversazione →


  1. Andrea Norrøn Livskunst

    un bischero in meno

    Reply
  2. giangi moliterni

    SPERO CHE QUEL PORCO CHE L’HA UCCISO VENGA PRESO E CONDANNATO A MORTE

    Reply
  3. antonio moliterni

    Allora lo hanno preso !

    Reply

Rispondi a giangi moliterni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login