Status Quo: è morto il chitarrista Rick Parfitt

Purtroppo anche la Vigilia di Natale porta la notizia di un nuovo lutto nel mondo del rock classico. Poche ore fa è infatti morto Rick Parfitt, storico chitarrista degli Status Quo, all’età di 68 anni. Questa la comunicazione con la quale la band ha annunciato la perdita di uno dei suoi membri più noti, arrivata attraverso il manager Simon Porter:

Siamo veramente devastati nel dover annunciare che il chitarrista degli Status Quo Rick Parfitt è morto oggi all’ora di pranzo. E’ morto in ospedale a Marbella, in Sppagna, a causa di una grave infezione, dopo che era stato ricoverato in ospedale giovedi sera a causa delle complicazioni dopo una ferita alla spalla dello scorso autunno. Questa tragica notizia arriva quando Rick era impaziente di intraprendere la sua carriera da solista, con un album e la sua autobiografia programmati per il 2017, che sarebbero seguiti alla sua uscita dagli Status Quo su consiglio medico. La sua mancanza sarà sentita profondamente dalla sua famiglia, i suoi amici, gli altri membri della band e dalla devota legione di fan in tutto il mondo, raccolti in 50 anni di successi mondiali con gli Status Quo. Rick lascia la moglie Lyndsay, i gemelli Tommy e Lily, Rick Jnr e Harry. Non verranno diffusi altri commenti dalla famiglia di Rick e dalla band, vi chiediamo che la loro privacy sia rispettata in questo difficile momento.

status quo

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login