Status Quo: dopo l’attacco di cuore Rick Parfitt potrebbe lasciare la band

L‘attacco di cuore che ha colpito lo scorso giugno il chitarrista degli Status Quo, Rick Parfitt, è stato davvero molto forte tanto che Parfitt sarebbe stato considerato morto per alcuni minuti, così come dichiara il suo manager in una recente intervista. E considerata la sua età, 67 anni, con ogni probabilità la sua attività con la band può ritenersi ormai conclusa.

Queste le parole di Simon Porter:

Dopo un lungo ricovero adesso Rick è in grado di condurre una vita quotidiana normale ma è ancora lontano da una condizione fisica che gli permetta di prendere parte a un tour insieme agli Status Quo. Possiamo, a questo punto, dichiarare che Rick è morto per alcuni minuti cosa che ha provocato disturbi cognitivi lievi, per i quali continua a ricevere supporto neuro-psicologico. Al momento la priorità assoluta per Rick è la sua salute e il benessere, e l’essere in grado di vedere i suoi figli di otto anni, Tommy e Lily, crescere.

Stando alle parole di Porter, quindi, quello in Turchia dovrebbe essere stato l’ultimo concerto di Parfitt con gli Status Quo, sebbene dovrebbe continuare a prendere parte ad alte numerose attività della band restando dietro le quinte. Ricordiamo che la band pubblicherà il prossimo 21 ottobre il proprio nuovo album intitolato Aquostic II – That’s A Fact tramite earMUSIC, secondo capitolo di un progetto che rivede in chiave acustica i successi degli Status Quo.

status-quo-aquostic-ii-cover-album-2016

Nient’altro da aggiungere, se non i nostri più sinceri auguri per Rick.

Pasquale Gennarelli

view all posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login