Slayer: senza label e senza Rick Rubin

All’inizio dell’anno sembrava che un nuovo album degli Slayer fosse all’orizzonte. Kerry King aveva dichiarato che lo storico collaboratore e produttore della band Rick Rubin stava cercando una società di distribuzione per la propria label e questo stava ritardando l’uscita dell’album.
King spiegava anche che con Rubin non c’era alcun accordo scritto, ma che la band voleva restare con lui, dopo 30 anni passati collaborando con la sua label American Recordings/Def Jam.

Ora siamo in dicembre, e non c’è nulla di nuovo all’orizzonte. Anzi. In una recente intervista, gli Slayer hanno dato pessime notizie riguardo l’uscita di un nuovo album.
“Ho chiesto al nostro manager di contattare Rick Rubin,” dice il frontman Tom Araya, “ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Tutto questo è davvero triste.”
Rubin ha avuto una grandissima influenza sulla band e sul suo suono, producendo i tre storici lavori “Reign in Blood”, “South of Heaven”, e “Seasons in the Abyss”.

Oltre ai dubbi sul produttore, la band è ancora senza etichetta, e non ci sono indiscrezioni in merito. Di certo non sarà la Metal Blade, label che lanciò il gruppo ma verso la quale Tom Araya serba rancore per le condizioni contrattuali sfavorevoli che il proprietario dell’etichetta, Brian Slagel, impose allora.

Malgrado tutti i dubbi su etichetta e produttore, gli Slayer hanno dichiarato che l’anno prossimo uscirà certamente un nuovo lavoro della band.
Ecco il video dell’intervista:

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login