Simple Lies: contratto discografico con Sneakout Records

Comunicato stampa:

Sneakout Records e Burning Minds Music Group sono lieti di annunciare la firma con gli hard-rocker italiani Simple Lies, per la pubblicazione del nuovo album “Millennial Zombies”.

I Simple Lies nascono a Bologna nel 2006, ma solo nel 2012 trovano una stabilità di formazione. Il primo album “No Time To Waste” ottiene un ottimo riscontro fra pubblico e critica di settore, permettendo alla band di intraprendere un’ intensa attività live in tutta Italia ed Europa. Nel 2015 esce il secondo lavoro “Let It Kill”, anch’esso ben accolto da critica e pubblico, e supportato da una lunga serie di concerti. Nel corso della loro carriera i Simple Lies hanno suonato in tutta Italia, Ucraina, Russia, Spagna, Francia, Lituania Lettonia, anche in apertura ad artisti importanti come Skid Row, Angra, Wednesday 13, Nashville Pussy, Almah, Girlschool, Secret Sphere ed altri. Nel 2016 il chitarrista Lello lascia il suo posto a Jam, amico di lunga data e roadie del gruppo. Nel 2018 la band sospende le attività live per concentrarsi sulla stesura del nuovo album “Millennial Zombies”, di cui nel 2020 esce il primo singolo “5 6 7 Hate!”. Nell’autunno 2021, i Simple Lies firmano con Sneakout Records/Burning Minds Music Group per la pubblicazione del disco, prevista per i primi mesi del 2022.

Formazione:Alessandro Rubino: VoceAlberto Molinari: ChitarraJam Bognanni: ChitarraAsh Saboori: BassoZak Zucchini: Batteria

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login