Scorpions: Rudolf Schenker – “Non so cosa potrà fare Axl negli AC/DC”

Continuano, come era prevedibile, i commenti da parte del momdo del rock e del metal alla notizia dell’ingresso in veste di cantante temporaneo di Axl Rose negli AC/DC. Dopo un commento positivo da parte di Alice Cooper, ora si esprime Rudolf Schenker, chitarrista degli Scorpions, che invece sembra più scettico:

Quando ho saputo degli AC/DC, mi è dispiaciuto molto per Brian, perchè è una persona fantastica. Penso che avrebbe dovuto fare il comico, perchè abbiamo passato diverse notti assieme, fino alle quattro, sei di mattina al Rihga Royal Hotel di New York, e lui era fantastico. Quando ti deve spiegare qualcosa, ti racconta delle storie, è come un viaggio in cui tu sei completamente legato a quello che sta dicendo. Quindi mi dispiace molto per lui. Penso che un altro momento difficile per lui sia stato quando ha preso il posto di Bon Scott, ma anche in quel caso ha fatto un ottimo lavoro. Non lo so, mi fa sentire un po’ come…ti ricordi quando Ian Gillan diventò il cantante dei Black Sabbath? E’ strano, ma credo che Axl farà un buon lavoro se sarà dell’umore giusto, perchè credo che riesca a cantare quei brani. Ma in un certo senso, dopo avere visto Brian così spesso cantare negli AC/DC, anche quando aveva fatto casino tutta la notte, ha sempre fatto un ottimo lavoro. Mi dispiace, mi rattrista sapere che Brian non potrà più farlo. E sì, se Axl potrà farlo…non lo so.

Scorpions_13 novembre 2015_PalaTrieste_Trieste_Anna Minguzzi-7

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login