Scorpions: “Ci siamo sbagliati a parlare di ritiro nel 2010”, parola di Klaus Meine

Nel corso degli anni sono state dette molte cose a proposito dei “falsi allarmi” lanciati dagli Scorpions su un loro tour d’addio nel 2010, notizie smentite dal fatto che la band è tuttora in attività e per nulla intenzionata ad appendere gli strumenti al chiodo. Il cantante della band, Klaus Meine, ha ammesso che allora la band commise un errore di calcolo:

Naturalmente, nel 2010 abbiamo avuto il nostro momento di dubbio quando abbiamo detto: Ok, forse dovremmo ritirarci. Forse questo è il momento giusto. Poi ci siamo resi conto che stavamo sbagliando, perchè c’è ancora molto veleno nella coda, se capisci cosa intendo, e va ancora tutto bene. C’è molta richiesta per gli Scorpions, se non ci fosse questo tipo di richiesta, naturalmente non ci sarebbero problemi e sarebbe facile dire: Ok, me ne torno a casa e me la prendo comoda. Ma ci sono così tante richieste che per noi è ancora una sfida. I guadagni sono buoni, naturalmente, ma ora non facciamo tutto questo per i guadagni, per i soldi, lo faccciamo per divertimento, per quello che è dentro di noi, quello che abbiamo nel sangue, nelle vene, e questa cosa è il rock and roll. E oraa vogliamo continuare ad andare a suonare di fronte a un pubblico, perchè si tratta solo di questo.

anna.minguzzi

view all posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login