Rotting Christ: suoneranno in Sudafrica con un nome diverso per evitare proteste religiose

Il dover dare e leggere notizie come questa nel 2016 fa riflettere, ma come riportato da Metal Hammer UK, i death metaller greci Rotting Christ suoneranno con un nome diverso in occasione dei concerti che terranno in Sudafrica i prossimi 1 e 2 Luglio, rispettivamente a Johannesburg e Cape Town. La scelta sarebbe stata effettuata per evitare rimostranze da parte di alcuni gruppi religiosi del paese.
Gli show sono stati organizzati da Witchdoctor Productions, che in Sud Africa organizza anche il Witchfest, un evento che lo scorso anno è stato a sua volta oggetto di proteste di stampo religioso.
Ecco quanto dichiarato dal promoter Shaughn Pieterse nel corso di una recente intervista:

“Ciò che stiamo sperimentando è quello che la scena metal ha affrontato alla fine degli anni ’80 e inizio degli anni ’90, con gruppi religiosi che cercavano di bloccare gli show a cause delle loro divergenze di opinioni con i messaggi espressi dalle band.
Tutto è cominciato lo scorso anno con il Witchfest. Per organizzare un evento bisogna ottenere tutti i certificati dal consiglio. Ogni volta in cui ci muovevamo per fare qualcosa secondo le regole, i consigli venivano aggrediti da proteste di stampo per così dire Cristiano e religioso. Tutte le volte in cui siamo stati costretti a cambiare venue, abbiamo perso il deposito con una conseguente grave perdita monetaria. Ma bisogna fare in modo che tutto vada avanti perchè altrimenti loro vincono. Bisogna dimostrare che non possono fermarti.
Adesso tutto è ricominciato con i Behemoth e i Rotting Christ. Ma anche questa volta abbiamo sistemato le cose parlando con la band, che suonerà in Sudafrica con un nome alternativo per non offendere le persone in quel senso. Forse il nome ‘Rotting Christ’ è un po’ troppo per alcune persone.”

Non si sa ancora con quale nome i Rotting Christ si esibiranno per i loro fan sudafricani.

Rotting Christ

Ilaria Marra

view all posts

Braccia rubate alla coltivazione di olivi nel Salento, si è trasferita nella terra delle nebbie pavesi per dedicarsi al project management. Quando non istruisce gli ignari colleghi sulle gioie del metal e dei concerti, ama viaggiare, girare per i pub, leggere roba sui vichinghi e fare lunghe chiacchierate con la sua gatta Shin.

0 Comments Unisciti alla conversazione →


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login with Facebook:
Login